Indietro
menu
Commozione e ricordi

Morto l'ex direttore della Gambalunghiana Marcello Di Bella. Il cordoglio

In foto: Marcello Di Bella
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 6 feb 2022 14:20 ~ ultimo agg. 7 feb 13:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ morto Marcello Di Bella, direttore della Biblioteca Gambalunga di Rimini per oltre 12 anni, dal ’98 al 2010. Era nato a Milano nel 1946: aveva 75 anni. E’ morto nella sua casa di Pesaro. Era stato tra gli organizzatori di eventi come le Mediazioni Riminesi, Antico/Presente

A ricordarlo il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad. “Abbiamo appreso con grande dolore la scomparsa di Marcello Di Bella, direttore della Biblioteca Civica Gambalunga e responsabile del Settore Cultura del Comune di Rimini dal 1998 al 2010. Lo si ricorda per essere stato mente e organizzatore di tante eventi e di iniziative di promozione culturale, dal notevole seguito: sua l’ideazione delle rassegne “Meditazioni riminesi”, “Magistra vitae?” e, per bambini e ragazzi, “Che storie?”, “Il latino vicino a noi”, “Il cortile dei perché” oltre a “Antico/Presente”, il Festival del mondo antico che con le sue 23 edizioni e grazie alla sua proposta di alto profilo è diventato un appuntamento centrale della programmazione culturale cittadina. Un’iniziativa nata proprio da quella volontà dichiarata da Di Bella di uscire dagli schemi convenzionali del ‘bibliotecario’ e di aprire l’antica istituzione culturale anche ai linguaggi più diversi. Nei suoi anni alla guida della Gambalunga, Di Bella ha avuto il merito di avviare processi e progetti innovativi, come la riorganizzazione digitale o gli studi sulla ristrutturazione degli spazi, che hanno contribuito a migliorare il servizio e proiettare nel futuro la Biblioteca. Fondamentale anche il suo apporto nel potenziamento dell’offerta museale, attraverso l’allestimento della sezione archeologica che ha consentito di dare una propulsione all’attività dei musei civici comunali. Oltre a questa concreta e rilevante eredità, Di Bella lascia qualcosa di ancora più prezioso: il ricordo affettuoso e la stima delle tantissime persone che hanno avuto il privilegio di lavorare con lui. Collaboratori che ha saputo valorizzare durante il lungo e fruttuoso percorso che lo ha visto contribuire allo sviluppo culturale della nostra città. L’Amministrazione comunale è vicina alla famiglia in questo momento di dolore”.

Commosso anche il ricordo della presidente dell’Assemblea legislativa regionale Emma Petitti.Ci ha lasciato Marcello Di Bella, un protagonista importante della vita culturale della nostra città. Direttore della Biblioteca Gambalunga nei primi anni del 2000, Di Bella ha portato profonde trasformazioni e innovazioni; perché la Cultura è continua ricerca e impegno e lui aveva fatto di questi principi la sua missione. Rigoroso, appassionato, ironico, con una cultura davvero sconfinata. Era un piacere ascoltarlo, coi suoi modi garbati e la sua gentilezza genuina. Ho avuto la fortuna di condividere quegli anni di lavoro in Biblioteca con lui e altri amici e colleghi che mi hanno insegnato tanto, suggerito idee e spunti di riflessione stimolanti. Rimini perde uno dei suoi intellettuali più acuti e appassionati. Io perdo una persona cara. Grazie Marcello per ciò che ha fatto per Rimini“.