Indietro
menu
Cattolica

"La Scuola Repubblica che vorrei". Riconsegnati gli elaborati dei bambini

In foto: l'assessore Vaccarini alla Scuola Repubblica
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 8 feb 2022 15:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’Assessore alla scuola ed alle politiche educative di Cattolica, Federico Vaccarini, ha fatto visita ad alunni ed alunne del plesso scolastico della Repubblica. L’occasione era quella di ringraziarli e riconsegnargli tutti gli elaborati, i disegni, che sono stati realizzati sul tema “la scuola che vorrei”, in previsione della progettazione del nuovo edificio. “Sicuramente giusto e necessario – sottolinea l’Assessore – ascoltare la loro percezione, anche dagli occhi di bambine e bambini è possibile trasporre dai loro colori, dalla loro fantasia, una chiave di lettura andando a riportare delle idee, suggestioni, visioni, ai progettisti che, per quanto possibile, prenderanno in considerazione prima di consegnare i loro elaborati”. Il progetto preliminare della nuova scuola Repubblica è in fase di definizione società Mynd Ingegneria di Pianoro (Bologna). L’Assessore ha ricevuto anche un libro in dono, consegnato proprio dagli alunni, dal titolo “Bambini si diventa” dell’autore Francesco Tonucci. “Per l’Assessore il libro – scrivono bambine e bambini – è stato un dono prezioso e gradito perché l’autore ricorda ai grandi lo sguardo dei bambini sul mondo. Il nostro sguardo per lui è molto importante perché lo aiuta a capire le idee che abbiamo su Cattolica, sulla Piazza della Repubblica, e soprattutto sulla scuola. Infatti, lui ha studiato i nostri disegni e ce li ha riportati. Per salutare l’Assessore abbiamo firmato tutti il suo libro e gliel’abbiamo consegnato”.

Anche attraverso queste attività – conclude l’Assessore Vaccarini – coinvolgiamo i più piccoli nelle politiche comunali e li rendiamo protagonisti e partecipi. Da parte dell’Amministrazione vi è la massima attenzione a pianificare l’attività nell’ottica dell’attenzione alle bambine ed ai bambini anche in base ai bisogni specifici”.