Indietro
menu
consiglio da remoto

In consiglio approvata la variazione al bilancio per assunzione nuovi agenti

In foto: i controlli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 11 feb 2022 11:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Con 19 voti favorevoli e 12 contrari, il Consiglio Comunale di Rimini ha approvato la prima variazione al bilancio di previsione 2021-2023. Consentirà di avere le risorse per l’assunzione di oltre trenta agenti di Polizia Locale. La seduta è stata ancora una volta tutta in remoto, salvo la presenza in sala del presidente e di parte della giunta.

L’intervento trova la copertura economica attraverso le maggiori entrate in parte corrente inserite nella manovra, a partire dall’IMU versata in prededuzione dal fallimento DAMA in relazione all’ex questura di via Ugo Bassi (818mila euro).  Tra le maggiori entrate in parte corrente si segnala l’assegnazione del Fondo di solidarietà comunale ufficializzata dal Ministero dell’interno che ha destinato al Comune di Rimini ulteriori 256.438 euro. La manovra comprende anche un intervento di efficientamento della spesa per le prossime tre annualità, che consente di garantire l’equilibrio del bilancio senza andare a interferire con la programmazione delle attività.  La manovra prevede inoltre le risorse a copertura delle spese per il trasporto pubblico locale e per l’attuazione del Piano occupazionale 2022 – 2024.

Approvate anche la costituzione di servitù onerosa temporanea su terreni di proprietà comunale a favore di Snam rete gas nell’ambito della realizzazione del terzo tratto del gasdotto “Ravenna – Jesi” (17 favorevoli, 1 contrario, 11 astenuti) e la delibera per la cessione ad Amir di un’area necessaria alla realizzazione dell’impianto di sollevamento fognario Brancona-Viserbella, nell’ambito dei lavori del piano di salvaguardia della balneazione (17 favorevoli, 1 contrario, 11 astenuti).

Bocciato invece l’ordine del giorno dei consiglieri Carlo Rufo Spina e Stefano Murano Brunori per la modifica del regolamento del funzionamento del consiglio comunale.