Indietro
menu
In vista dell'estate

Comitato per la sicurezza nella sala del consiglio. La richiesta di Riccione

In foto: il sindaco Tosi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 22 feb 2022 12:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Riccione gioca d’anticipo in vista dell’estate e chiede al Prefetto di convocare un Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, aperto ai rappresentati delle categorie economiche, nella sala del Consiglio comunale. Una richiesta che il sindaco Renata Tosi ha indirizzato al prefetto Giuseppe Forlenza in una lettera inviata questa mattina. “Vanno prese subito tutte le misure possibili – chiarisce il sindaco – per evitare il ripetersi dei fatti che hanno turbato la tranquillità dei nostri territori la scorsa stagione, causando le legittime preoccupazioni dei riccionesi e dei turisti di tutta la provincia di Rimini“. L’Amministrazione, dando seguito all’ordine del giorno proposto dalle categorie economiche della città, votato e approvato all’unanimità nel Consiglio comunale aperto in materia di sicurezza, ha istituito un tavolo permanente che ha visto ieri un’ulteriore riunione con la partecipazione del comandante della Polizia Intercomunale, Achille Zechini, dell’assessore alla Sicurezza, l’onorevole Elena Raffaelli e il presidente del Consiglio comunale, Gabriele Galassi. “Siamo al fianco delle Forze dell’Ordine – ribadisce la Tosi – per garantire, nel rispetto delle reciproche competenze, la serenità durante l’estate“. “A tal proposito – si legge nella lettera inviata al prefetto – la Polizia Locale di Riccione è stata incrementata nel corso del 2021 di 6 operatori a tempo indeterminato, e di 30 unità stagionali, di cui quattro ancora attive. Sono state inoltre installate ulteriori 12 telecamere posizionate nei luoghi ritenuti più a rischio, seguendo le indicazioni del rappresentante della locale Arma dei carabinieri e altrettante saranno posizionate nel corso del corrente anno. Sono sempre attive le due postazioni dedicate, a mare della ferrovia, una per i Carabinieri e una per la Polizia di Stato, oltre ad altri locali che questa Amministrazione ha messo a disposizione sul territorio comunale“. Il sindaco di Riccione ha quindi chiesto al prefetto “di valutare la possibilità di indire una riunione del Comitato Provinciale dell’Ordine e Sicurezza Pubblica presso il Comune, per affrontare approfondire azioni di prevenzione di quelle situazioni che coinvolgono in particolare i giovani“.