Indietro
sabato 21 maggio 2022
menu
Ginnastica Artistica A2 Femm.

Ginnastica Riccione: dalla Brixia arriva Francesca Noemi Linari

In foto: Francesca Noemi Linari (@simoneferraroph)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 5 gen 2022 12:01 ~ ultimo agg. 21:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La squadra di A2 della Ginnastica Riccione si rafforza con l’arrivo di Francesca Noemi Linari. Nata a Scandiano il 10 luglio 2001, la ginnasta proveniente dalla Brixia ha un palmares ricchissimo, compresa la medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo 2018 di Tarragona. Il suo debutto con la maglia azzurra risale all’ottobre del 2014 (a Camaiore vinse l’oro nella competizione a squadre insieme a Martina Maggio, Sofia Busato, Chiara Imeraj, Pilar Rubagotti e Caterina Vitale).

Per lei tre ori, due argenti e quattro bronzi ai Campionati Italiani di categoria, due ori e quattro argenti ai Campionati Italiani Gold, due ori e un argento alla Golden League e ben 12 vittorie di squadra in Serie A. Con la Brixia ha centrato quattro scudetti di fila, dal 2015 al 2018. Nel 2020 si è trasferita, per motivi di studio, al Centro tecnico di Milano.

Francesca Noemi, com’è nata in lei la passione per la ginnastica?
“Da piccola non stavo mai ferma: saltavo sul divano, sul letto, andavo in equilibrio su qualsiasi cosa… avevo un cavallino a dondolo e mi mettevo sempre in piedi sulla sua testa – racconta -. Mio papà ha fatto ginnastica qualche anno prima di cominciare calcio, come tutti gli uomini, e conosceva la Panaro Modena, dove aveva iniziato anche Jury Chechi. Mi ha così mandato alla Panaro, dove sono rimasta dagli otto agli 11 anni e mezzo, per poi andare a Brescia”.

Tanti successi con la Brixia, poi il trasferimento a Milano.
“Mi sono trasferita da un anno e mezzo a Milano per fare gli allenamenti e seguire l’Università. Sono rientrata da un infortunio al ginocchio (accusato alla fine del 2018, ndr) e negli ultimi due anni ho partecipato alle gare di serie A con la società di Trieste per poter gareggiare su più attrezzi”.

Qual è il suo attrezzo preferito?
“Il mio attrezzo è la trave fin dall’inizio della mia carriera da ginnasta. Dopo l’infortunio al ginocchio è stata dura riprendere corpo libero e volteggio, anche se adesso ho un buon esercizio anche in parallela”.

Delle tante medaglie vinte, quale ha un posto speciale nel suo cuore?
“L’oro ai Giochi del Mediterraneo: è stata una bellissima esperienza ed è stata una delle mie gare preferite insieme agli Europei di Glasgow dello stesso anno, in cui centrammo un sesto posto di squadra ed io arrivai nona alla trave, sfiorando la finale”.

A gennaio 2017 fece, insieme ad alcune compagne in azzurro (compresa Caterina Cereghetti, che ritroverà alla Ginnastica Riccione), un’esperienza negli Stati Uniti, allenandosi a Dallas per alcune settimane fianco a fianco con le statunitensi campionesse del mondo e campionesse olimpiche in carica.
“È stata un’esperienza molto importante, che ci ha fatto crescere tanto sia dal punto di vista ginnico che professionale e umano, anche perché in quelle settimane non alloggiammo in hotel ma nelle case delle famiglie delle ginnaste americane”.

A gennaio 2021 ha iniziato gli studi universitari.
“Sì, è passato un anno esatto. Studio Scienze Umanistiche, con materie di Economia perché dopo i primi tre anni vorrei fare gli ultimi due di specializzazione in Marketing ed Economia”.

Conosce qualcuna delle sue nuove compagne, a parte Caterina Cereghetti?
“Con Caterina abbiamo iniziato la carriera insieme: abbiamo fatto le Olimpiadi giovanili insieme, tantissimi anni fa. Ci conosciamo quindi da tanto, e sono contenta di iniziare questo percorso insieme a lei. Sono venuta a Riccione due giorni per qualche allenamento e per parlare con il presidente Francesco Poesio e nell’occasione ho conosciuto alcune compagne. Per la prima volta difenderò a questi livelli i colori di una società della mia regione”.

Qual è l’obiettivo per questo 2022?
“Speriamo di andare in A1, è questo il nostro obiettivo”.

E magari tornare a vestire l’azzurro.
“Quest’anno mi sto mettendo veramente sotto. Alla nazionale penso e spero di essere in forma per le Universiadi, questo è il mio obiettivo a livello personale”.

E il presidente della Ginnastica Riccione, Francesco Poesio, non può che essere entusiasta dell’arrivo a Riccione di Francesca Noemi Linari: “è una ginnasta di alto livello, che ha seguito un percorso tecnico importante alla Brixia. È stata allenata in passato anche dal commissario tecnico della Nazionale, Enrico Casella, e nella sua carriera ha vinto tante gare. Meno di un mese fa ai Campionati Italiani Gold di Civitavecchia si è laureata campionessa italiana alla trave. Ha un grossissimo bagaglio di esperienza. Siamo onorati di accoglierla nella nostra squadra che parteciperà al campionato di A2, sicuri che ci darà una grossa mano”.