Indietro
menu
Una spesa che pesa

Obbligo FFP2. Gianfreda: "Governo e Regione dovrebbero calmierare i prezzi"

In foto: una mascherina FFp2
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 29 dic 2021 13:56 ~ ultimo agg. 14:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’obbligo di indossare le mascherine FFP2 al cinema, a teatro, sui mezzi pubblici o ad eventi sportivi deciso per decreto dal Governo nel tentativo di contrastare la crescita di contagi dovuta alla diffusione dell’Omicron, rischia di pesare sul bilancio di molte famiglie. L’allarme arriva dall’Assessore alle Politiche per la Salute e la Protezione sociale del comune di Rimini Kristian Gianfreda.

C’è una preoccupazione diffusa e legittima” scrive, “per il costo dei dispositivi di protezione FFP2, che sommato tra i vari componenti del nucleo familiare, diventa tutt’altro che irrisorio. Una spesa in più che può diventare pesante e che potrebbe gravare soprattutto sulle tasche delle persone – giovani, anziani o famiglie – più in difficoltà ed economicamente già precarie”.

L’Assessore fa quindi un appello perchè la Regione,  in sinergia con il Governo centrale, i sindacati e le associazioni di categoria, si faccia promotrice di una misura ad hoc per calmierare i prezzi dei dispositivi FFp2. L’assessore ricorda anche come alcuni Paesi europei abbiano già provveduto a rendere gratuite queste tipologie di mascherine per i cittadini che hanno ricevuto il vaccino.

“Servirebbe un tetto massimo o prevedere la gratuità per chi non supera un certo reddito annuo per venire incontro alla collettività, scongiurando la possibilità che chi già sta affrontando un periodo economico non semplice si debba fare carico di altri oneri. È una questione di giustizia sociale, una misura per arginare la propagazione del virus e salvaguardare la salute della comunità, evitando al contempo di gravare sui cittadini più esposti” conclude Gianfreda.

UN appello che arriva mentre il Governo starebbe effettivamente pensando a una misura di questo tipo. Decisione su cui potrebbe procedere anche direttamente il commissario all’emergenza Covid Figliuolo.