Indietro
martedì 24 maggio 2022
menu
Campionato Sammarinese

Missione aggancio per il San Giovanni, che affronta il Murata

In foto: Fabio Giardi
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 10 dic 2021 13:41 ~ ultimo agg. 13:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È un San Giovanni che va a caccia del poker di risultati utili consecutivi, quello che si prepara a sfidare il Murata per il 12esimo turno del Campionato Sammarinese.

I ragazzi di mister Marco Tognacci hanno messo insieme una striscia di risultati utili pareggiando con le due prime della classe (3-3 con il Tre Penne e 1-1 con La Fiorina) e rifilato nel mezzo una roboante manita alla Cosmos. Cinque punti che riportano i rossoneri nel gruppone di metà classifica, ad appena tre lunghezze proprio dal Murata con cui incroceranno i tacchetti domani sabato 11 dicembre alle 15 ma che ha anche disputato una gara in più. E’ il direttore generale Fabio Giardi a suonare la carica in questo penultimo turno pre-natalizio, fra presente e futuro.

Giardi, nonostante qualche infortunio pesante che terrà un paio di giocatori importanti fuori per gran parte del campionato il San Giovanni sta crescendo e ha di nuovo nel mirino le posizioni alle spalle delle big.
“È stata una prima parte di stagione secondo le aspettative. Abbiamo raccolto quello che abbiamo seminato e fino a ora dire che le cose sono da giudicare positivamente: non possiamo che crescere ancora”.

È il campionato che si aspettava? Ancora una volta la rosa è fra le più giovani del torneo ma dimostra di giocarsela alla pari con tutti.
“Il gruppo è volutamente molto giovane con qualche innesto esperto e il mister ha trovato subito una bella quadratura. Lo ha ribadito ancora una volta la gara di domenica con La Fiorita, dove, seppur rimaneggiati, siamo stati benissimo in partita, abbiamo colpito sfruttando le occasioni avute e siamo stati raggiunti alla fine dopo aver sofferto specialmente le palle alte che sono una delle loro forze. Il torneo è quello che ci aspettavamo, anzi forse ancor più equilibrato di quello che credevamo: c’è meno distanza con le corazzate dai grandi giocatori che risolvono le partite e stiamo dimostrando con il gruppo e l’atteggiamento di poter giocarcela con tutti senza venire mai travolti come accadeva qualche anno fa. Un discorso che vale per tutti”.

Che partita sarà quella di domani con il Murata? Come sta la squadra?
“Non abbiamo squalificati e saremo abbastanza al completo. Sarà una sfida tosta, perché loro sono una squadra veloce e combattiva, speriamo siano un po’ stanchi dal turno infrasettimanale di Coppa ma hanno un bell’organico. Credo che sarà una partita equilibrata, in cui sarà fondamentale l’atteggiamento, l’avere il giusto approccio e l’attenzione per tutti i novanta minuti come quando si gioca con le prime della classe”.

Dopo i playoff ritrovati lo scorso anno, qual è l’obiettivo stagionale?
“Quello minimo, diciamo sindacale, è il 12esimo posto. Quello concreto è raggiungere i playoff non all’ultimo minuto dell’ultima giornata così da riuscire anche a prepararli al meglio visto l’equilibrio fra noi e il gruppo delle quattro-cinque squadre che abbiamo intorno”.