Indietro
menu
E-Mozione Verde

Europa Verde Rimini elegge il nuovo direttivo

In foto: Europa Verde
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 11 dic 2021 18:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è svolta oggi l’assemblea costituente del nuovo gruppo comunale di Rimini per Europa Verde. Sono stati eletti come portavoce riminesi Alessia Lea di Rago e Stefano Benaglia. Il gruppo andrà ad agire in tutto il territorio comunale di Rimini e sarà parte attiva nella vita della città. Gli altri membri del direttivo Riminese sono: Marco Affronte, Daniela Beraudi, Claudio Biagini.

Stefano Benaglia

Il nuovo direttivo nasce dall’approvazione della mozione intitolata “E-Mozione Verde” che getta le basi per l’organizzazione territoriale e politica del nuovo gruppo locale. Così si legge nella mozione sugli obiettivi a breve termine:

“Abbiamo bisogno di persone nuove che possano portare, al nostro interno, nuove competenze e nuove potenzialità, a partire dalle competenze comunicative. Incontrare le rappresentanze sociali per cogliere, dal basso, le esigenze di cambiamento, di miglioramento a partire dai quartieri.  Discutere tra di noi le testimonianze raccolte ed elaborarne un progetto politico, realizzabile nella realtà, che possiamo poi proporre nei modi conosciuti.

Alessia Lea Di Rago

Si parla spesso dei successi elettorali delle forze politiche Verdi nel resto d’Europa e spesso ci chiediamo perché in Italia l’onda verde tarda ad arrivare, e la risposta è nel metodo. Dobbiamo organizzare degli incontri aperti alla cittadinanza per darci visibilità e per poter rispondere alla frequente domanda: “Ci sono ancora i Verdi?” con il perfetto slogan della Costituente di Chianciano: “Ci siamo”. Vogliamo far emergere quelle realtà troppo spesso misconosciute di giovani talenti del nostro territorio che svolgono le loro attività in ottica green, con progetti di economia circolare e agricoltura biologica, per esempio. Abbiamo il dovere di collaborare in maniera costruttiva con gli organi istituzionali per evitare vari greenwashing, senza arrivare allo scontro, ma sempre in ottica di alleanza.”