Indietro
menu
Le casistiche

Dal 6 dicembre il Green Pass rafforzato: a cosa serve e cosa cambia

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 4 dic 2021 13:39 ~ ultimo agg. 6 dic 13:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dal 6 dicembre il Green Pass rafforzato sarà richiesto anche in zona bianca.

Il green pass base indica la Certificazione verde COVID19 attestante l’avvenuta vaccinazione anti-Sars-Cov-2, la guarigione dall’infezione Covid-19 o l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare.
Per green pass rafforzato, invece, si intende la Certificazione verde COVID-19 attestante l’avvenuta vaccinazione anti-Sars-Cov-2 o la guarigione dall’infezione Covid-19.
Il green pass rafforzato non include, quindi, l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare. Anche nei casi in cui è richiesto il green pass rafforzato, si applicano le esenzioni per i minori di 12 anni e per coloro che hanno un’idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con Circolare del Ministero della Salute del 4 agosto 2021.

Il green pass rafforzato è richiesto in zona bianca, in zona gialla e in zona arancione per effettuare spostamenti, accedere ad attività e servizi che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni sulla base della normativa vigente.
In zona bianca e gialla, ad esempio, è richiesto per l’accesso a spettacoli, competizioni ed eventi sportivi, ristorazione al chiuso, feste (tranne quelle conseguenti a cerimonie civili e religiose), discoteche e cerimonie pubbliche. In zona arancione, per l’accesso a palestre, sagre, fiere, convegni, congressi.

Il green pass rafforzato è richiesto per il consumo al tavolo al chiuso in zona bianca, gialla e arancione, senza limitazioni di commensali. Fanno eccezione i servizi di ristorazione svolti all’interno di alberghi e di altre strutture ricettive riservati esclusivamente ai clienti alloggiati e delle mense e del catering continuativo su base contrattuale. Per l’accesso a questi ultimi servizi, quindi, sarà consentito esibire anche la Certificazione verde COVID-19 base, che attesta l’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare.


Non è necessario scaricare una nuova certificazione verde: basterà presentare agli addetti alle verifiche il green pass da vaccinazione o da guarigione già in possesso. Sarà l’App VerificaC19 a riconoscerne la validità. Fino al 5 dicembre, è consentita la verifica del possesso del green pass rafforzato in formato cartaceo. Dal 6 dicembre, i controlli potranno essere effettuati utilizzando l’app VerificaC19, che sarà in grado di riconoscere la validità dei certificati utilizzando l’impostazione specifica per il green pass rafforzato.

Dal 15 dicembre la validità della Certificazione verde COVID-19 da vaccinazione, per le dosi successive alla prima o dose dopo guarigione, passa da 12 a 9 mesi dalla data di somministrazione.

Da lunedì il Green pass base, ottenuto anche con tampone, sarà necessario per entrare in metropolitana, salire sugli autobus e prendere treni regionali.
(la pagina completa delle f.a.q. sul sito del Governo)

Notizie correlate
di Redazione