Indietro
menu
170mila euro

Sanificazione di 80 bus. Arriva il contributo del comune di Rimini

In foto: la capienza per ogni bus sarà del 50%
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 11 nov 2021 15:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dal comune di Rimini 170 mila euro per la sanificazione dei mezzi pubblici utilizzati per il trasporto locale. Con delibera di Giunta, l’amministrazione ha approvato il contributo destinato ad Agenzia Mobilità Romagnola per pulire e sanificare un’ottantina di autobus in funzione sulla rete riminese. Ad oggi è fruibile l’80% dei posti.  

Il processo di sanificazione utilizzate consente di abbattere quasi al 100% la carica virale durante l’esercizio dei mezzi, in maniera continuativa, riducendo al minimo le possibilità di trasmissione del virus. La sanificazione avviene tramite tecnologia di ossidazione foto catalitica (con lampada UVC) che permette tramite la produzione di radicali ossidrili, di attrarre e distruggere gli agenti inquinanti e i virus presenti nell’aria.   Il progetto è finanziato attraverso le risorse del Fondo Covid, stanziate dal Governo a favore degli enti locali per far fronte alle conseguenze dell’emergenza sanitaria.  

 Dall’ultimo rapporto di Ipsos Legambiente è arrivata la conferma di come, con la pandemia, gli italiani abbiano sviluppato una diffidenza rispetto all’utilizzo dei mezzi pubblici – commenta l’assessora alla mobilità Roberta FrisoniUn timore che in parte ha spinto ad un maggior ricorso ai mezzi privati, giudicato a torto più sicuro. Investire nella sanificazione dei mezzi è quindi fondamentale per garantire di poter viaggiare in sicurezza e allo stesso tempo per far sì che aumenti la fiducia da parte degli utenti. L’intervento inoltre si inserisce in un quadro più ampio di azioni che l’Amministrazione sta portando avanti con particolare attenzione ai ragazzi, tra i maggiori fruitori del trasporto pubblico locale, per accompagnare le attività scolastiche, contrastando i rischi legati alla pandemia, e allo stesso tempo per sviluppare una nuova cultura che privilegi il trasporto pubblico locale e in generale la mobilità sostenibile