Indietro
menu
fermata sul lungomare

Ruba un cellulare ma non disattiva il Gps. La chiamata incastra la ladra

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 15 nov 2021 13:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lo hanno fatto semplicemente squillare dopo averlo localizzato con il Gps: è così che nel pomeriggio di sabato scorso una pattuglia del Nucleo di sicurezza urbana della polizia Locale di Rimini, che stava presidiando la zona del lungomare di Rimini, è riuscita a recuperare un cellulare che poco prima era stato rubato.

Gli agenti avevano ricevuto una segnalazione da parte di un operaio che durante il lavoro aveva lasciato sul proprio furgone, parcheggiato sul lungomare, uno zaino contenente gli effetti personali. Al ritorno da una consegna si era accorto del furto dello zaino e aveva fermato immediatamente la pattuglia in transito.

La ricerca non è durata tanto. Infatti è bastato attivare il tracciamento del cellulare tramite il Gps, che risultava ancora attivo, per capire che il telefono si trovava in piazzale Marvelli, dove sono state fermate delle persone sospette. È stato proprio durante la loro identificazione che gli agenti hanno fatto squillare il cellulare e una ragazza che faceva parte del gruppo fermato lo ha estratto dalla tasca.

Una volta riconosciuto il cellulare rubato dallo stesso proprietario, gli agenti hanno denunciato per ricettazione la ragazza – già nota alla polizia Locale per precedenti specifici – che è stata anche segnalata alla prefettura come assuntrice perché dalla successiva perquisizione personale è stata trovata in possesso di modiche quantità di eroina per uso personale.