Indietro
menu
"Misure omogenee"

Mascherina all'aperto? Sadegholvaad: decida il Governo, misure spot non funzionano

In foto: Sadegholvaad
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 29 nov 2021 14:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Con i contagi che aumentano e il Natale alle porte serve prudenza ma senza farsi bloccare dalla paura. A dirlo è il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad che invita a mettere in atto “interventi omogenei, coordinati tra i diversi livelli istituzionali, in modo da evitare la pezza emotiva ‘a macchia di leopardo’ che sicuramente ha poca efficacia contro virus che non conoscono e non si fermano ai confini di due Comuni limitrofi“. Come sta accadendo, ad esempio, con la decisione da parte di alcune amministrazioni di introdurre anche in zona bianca l’obbligo di mascherina all’aperto. “Una misura che può essere di buon senso, ma di difficile gestione se, come avviene ora, resta applicata a spot, su base discrezionale” spiega il sindaco, invitando il Governo (anche sulla base delle indicazioni dalle autorità sanitarie) ad introdurre eventualmente l’obbligo in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale o comunque in aree più vaste. Sull’introduzione invece dal 6 dicembre del green pass rafforzato (solo per vaccinati e guariti) Sadegholvaad confida “possa rivelarsi uno strumento utile per contenere l’avanzata del virus, garantendo allo stesso tempo la possibilità alle attività economiche, alle industrie, ai negozi, ai pubblici esercizi, di continuare a lavorare senza nuove restrizioni, nel periodo più intenso dell’anno. Un nuovo lockdown sarebbe, insostenibile sotto ogni profilo“.

L’intervento del sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad

L’accelerata nella ripresa dei contagi soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, la scoperta della nuova variante con le inevitabili incertezze che questa si trascina dietro, l’inizio del periodo natalizio con il moltiplicarsi degli spostamenti e occasioni di incontro e di convivialità: tutti fattori che ci devono invitare a vivere le settimane che abbiamo davanti senza farci bloccare dalla paura, ma con la prudenza che si deve alla fase. Prudenza significa prima di tutto fare le cose giuste senza farsi assalire dal panico o dall’impulso del momento, magari ancora prima delle verifiche necessarie. E prudenza significa anche, forse soprattutto, mettere in atto interventi omogenei, coordinati tra i diversi livelli istituzionali, in modo da evitare la pezza emotiva ‘a macchia di leopardo’ che sicuramente ha poca efficacia contro virus che non conoscono e non si fermano ai confini di due Comuni limitrofi. Il ‘super green pass’ in vigore il 6 dicembre confido possa rivelarsi uno strumento utile per contenere l’avanzata del virus, garantendo allo stesso tempo la possibilità alle attività economiche, alle industrie, ai negozi, ai pubblici esercizi, di continuare a lavorare senza nuove restrizioni, nel periodo più intenso dell’anno. Un nuovo lockdown sarebbe, insostenibile sotto ogni profilo. Al nuovo provvedimento si affianca la scelta, adottata negli ultimi giorni da alcuni sindaci in particolare delle grandi città, di reintrodurre – pur permanendo in zona bianca – l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto, limitato alle vie dello shopping o dove si registra il maggiore affollamento. Una misura che può essere di buon senso, ma di difficile gestione se, come avviene ora, resta applicata a spot, su base discrezionale. Non credo che questo ‘municipalismo della mascherina’, che riguarda peraltro aree e amministrazioni limitrofe, possa essere pienamente efficace, né in termini di contenimento del virus, né sul fronte della gestione dei necessari controlli degli organismi deputati. Meglio dunque una linea univoca, come già sottolineato oggi dal presidente Anci Antonio Decaro: se il Governo, anche sulla base delle indicazioni dalle autorità sanitarie, condivide l’opportunità di introdurre questa ulteriore misura di prevenzione, la applichi in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale, o perlomeno su scala regionale o per aree vaste sovra comunali o sovraprovinciali. Oltre a rappresentare un messaggio più forte, una tale misura applicata in maniera omogenea sarebbe di più semplice gestione ed eviterebbe l’insorgere di situazioni paradossali, con regole differenti in poche manciate di chilometri, a seconda del confine comunale. Anci e i sindaci su questo sono in linea”.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Redazione
di Roberto Bonfantini
VIDEO
di Andrea Polazzi
Notizie correlate
di Andrea Polazzi