Indietro
menu
si scava nel suo passato

L'omicidio del giardiniere è un vero e proprio rebus. Oggi nuovi sopralluoghi

In foto: Un mazzo di fiori per la vittima alla pensilina del bus @Newsrimini
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 23 nov 2021 19:29 ~ ultimo agg. 24 nov 13:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lì, dove giaceva il corpo senza vita del 74enne Galielo Landicho, ora c’è un mazzo di fiori deposto dalla comunità filippina che vive a Rimini, molto legata alla vittima. Landicho frequentava spesso i suoi connazionali, che lo descrivono come un uomo senza ombre, ben voluto da tutti e sempre disponibile. Domenica aveva partecipato ad un pranzo tra amici connazionali a Rimini. Non avendo la patente si spostava solo in autobus ed è alla fermata di fronte alla stazione, in attesa del bus 160 che lo avrebbe dovuto riportare a Verucchio, che ha trovato la morte. Una morte rapida, con un coltello conficcato nel collo che gli ha perforato la carotide, stando ad una prima ispezione del medico legale.

Un’amica (già sentita dagli inquirenti) nel tardo pomeriggio di domenica lo aveva accompagnato in auto lasciandolo a un centinaio di metri dalla stazione. Non poteva sapere che quella sarebbe stata l’ultima volta che avrebbe visto Galileo vivo. La caccia all’assassino continua senza sosta da parte degli uomini della Squadra Mobile di Rimini, alle prese con un vero e proprio giallo. Il killer, infatti, dopo l’efferato omicidio, sembra essere svanito nel nulla.

I poliziotti della Mobile, diretta dal vice questore aggiunto Mattia Falso, che oggi hanno effettuato nuovi sopralluoghi in piazzale Cesare Battisti, stanno battendo ogni pista possibile. Hanno scavato a fondo anche nel passato del giardiniere, senza però trovare alcun collegamento con quanto accaduto. Le indagini hanno riguardato anche la comunità filippina, ma anche in questo caso non sarebbero emersi elementi particolari: nessun dissapore, nessuno screzio, nessun litigio. Manca il movente, manca l’arma e manca l’assassino. Un vero e proprio rebus difficile da decifrare. E più passa il tempo più la soluzione sembra allontanarsi.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO