Indietro
sabato 13 agosto 2022
menu
Basket Serie D

La striscia vincente dei Dolphins Riccione si ferma a Imola (76-70)

In foto: Maurizio Ferro, coach dei Dolphins Riccione
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 23 nov 2021 14:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

CURTI INTERNATIONAL IMOLA-DOLPHINS RICCIONE 76-70

IL TABELLINO
IMOLA: Recchia 7, Roli 7, Poloni 4, Mondini 4, Fussi 25, Poli 10, Totaro 7, Sassi 9, Ginevri 3, Tellarini ne, Martini ne., Fini. All. Dirella.

RICCIONE: Amadori 12, Gardini 5, Gobbi, Bomba 16, Solazzi 18, Zanotti 4, Pari, Protti, Calegari 9, Sabbioni 6. All. Ferro

ARBITRI: Carpanelli e Aly Belfadel di Bologna.

Parziali: 9-20, 30-38, 53-53.

CRONACA E COMMENTO
La mini striscia vincente dei Dolphins si interrompe a Imola (76-70). Sul parquet della Curti International, Riccione scappa nel primo tempo ma è costretta a subire il ritorno degli avversari dopo l’intervallo, finendo per soccombere di rimonta proprio in quell’ultimo quarto che invece era stato decisivo in positivo nel derby con la Stella.

Il primo quarto sembra voler indirizzare la sfida senza se e senza ma in direzione Adriatico. Sempre lucidi nelle scelte offensive quanto implacabili in difesa, i biancazzurri di coach Maurizio Ferro confezionano un parziale di 9-20, solo minimamente intaccato nel secondo periodo. Si va infatti al riposo sul +8 (30-38) e il trend visto nei primi 20 minuti non lascia affatto pensare a un ribaltone.

Invece nel secondo tempo la Curti Imola cambia marcia trovando punti importanti dalla panchina e il gap si azzera alla terza sirena (53-53). A questo punto l’inerzia è tutta per i padroni di casa, trascinati dal top scorer Fussi (25 punti) mentre i Dolphins non trovano più precisione al tiro. Non bastano i 18 punti del solito Solazzi né i 16 di un positivo Bomba, Riccione incassa il terzo stop stagionale. Il riscatto è atteso per venerdì prossimo, si torna sul parquet del PalaNicoletti per affrontare la formazione bolognese dei Giardini Margherita (ore 21,30).