Indietro
menu
indino: diversificare l'offerta

La ripartenza delle discoteche in Riviera con ingresso limitato ai soli maggiorenni

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 10 nov 2021 13:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il nuovo corso delle discoteche è ufficialmente iniziato. Molti locali in tutta la regione hanno deciso di limitare l’ingresso alle serate ai soli clienti maggiorenni. Una decisione che fa parte del rinnovato pensiero e del nuovo approccio alla gestione dei locali da ballo. Sottolineando che ogni gestore è ovviamente libero di scegliere il suo target di clientela, credo sia un buon inizio per arrivare ad una segmentazione delle attività, che può andare a favore di tutti”. Così, Gianni Indino, presidente del SILB-Fipe dell’Emilia Romagna.

Dopo i buoni riscontri avuti nelle prime serate, nei prossimi fine settimana si completerà l’apertura dei locali da ballo dell’Emilia Romagna. Sulla Riviera romagnola, dopo Bollicine, Living, Altromondo, Pascià e Top Club Frontemare, sono pronte alla riapertura anche Peter Pan e Cocoricò (che per l’inaugurazione del 27 novembre ha esaurito i biglietti on-line in 44 minuti), e ancora dal 7 dicembre tornerà a fare ballare anche la Baia Imperiale.

“Insomma, andiamo nella direzione auspicata di un ritorno alla normalità, seppur in modo graduale”, dice Indino. Che poi commenta la scelta di molti locali da ballo di diversificare la propria offerta: Creare serate per maggiorenni, altre per un pubblico più giovane, altre ancora magari in orari pomeridiani per i giovanissimi come accadeva qualche anno fa, faciliterebbe la gestione e la ripartenza del settore. Come attività di intrattenimento da ballo siamo in grado di gestire queste clientele diversificate, che presentano caratteristiche e anche criticità diverse, in particolare riguardo agli under 18. Nonostante la stragrande maggioranza dei ragazzi si comporti bene, una piccola parte va comunque contenuta. Senza dimenticare che la colpa di ogni fatto increscioso che accade vicino ad un locale da ballo è del locale da ballo stesso, che purtroppo diventa il capro espiatorio anche se nulla ha a che vedere con il fatto avvenuto”.

“Non solo sulla Riviera romagnola, ma in tutta l’Emilia Romagna e, posso dire, in tutta Italia, è pensiero comune della maggior parte dei gestori di locali intraprendere strade nuove – conclude il numero uno del Silb regionale -. Fatta salva la libertà di impresa che, ci mancherebbe altro, deve lasciare al gestore la libertà di scegliere il tipo di clientela che vuole, penso che questo possa essere un passo importante per la rinascita dei locali da ballo”.