Indietro
menu
riuso per quelli smontati

Educazione all'aria aperta. Arrivano nuovi giochi e piante

In foto: attività outdoor
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 15 nov 2021 15:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Prende sempre più copro l’educazione all’aria aperta, la outdoor education come la chiamano gli anglofoni. A Rimini saranno piantati duecento nuovi alberi e acquistati arredi esterni per le scuole per un valore di circa ventitremila euro: gazebo, tavoli e sedute, ma anche giochi dedicati alla didattica e alla pedagogia all’aria aperta. 129 nuovi alberi di piccolo fusto di 20 varietà diverse saranno, invece, acquisisti gratuitamente attraverso un fondo regionale dedicato al piano nazionale per il futuro sostenibile. A questi sono da aggiungere altre 49 piante arboree di medio fusto in sostituzione di quelle abbattute perché danneggiate e non più sicure. Il servizio di piantumazione e cura sarà curato da Anthea.

Il Comune ha anche deciso di donare scivoli ed altalene, che verranno smontate e controllate, al mondo del sociale, mediante un bando con la finalità di dare una seconda vita ed opportunità a questi oggetti.

Ambiente, verde e riciclo – spiega Chiara Bellini, Vice Sindaca con delega alle politiche educative del Comune di Rimini – sono temi fondamentali che vogliamo portare dentro i nostri servizi educativi in maniera nuova, creativa, coinvolgente. Un pensiero pedagogico che, nell’interazione quotidiana con la natura, vede un punto di forza per la crescita dei nostri alunni. Non si tratta solo di outdoor education, ma anche, più semplicemente, di un ambiente scolastico più sano e gradevole, grazie al naturale benessere portato da piante ed alberi. Azioni diverse accomunate dalla valenza sperimentale di una pedagogia che, a Rimini, vanta una solida tradizione. Da quella storia siamo partiti, con uno sguardo aperto al futuro e all’innovazione, concetti che, insieme al coordinamento pedagogico, le insegnanti e il personale scolastico, che ringrazio, stiamo cercando di concretizzare in spazi, prassi, metodologie ed esperienze quotidiane”.