Indietro
menu
Evitare congestione traffico

Dopo i disagi per Ecomondo, Hera e comune pianificano eventi e cantieri

In foto: i parcheggi pieni in fiera per Ecomondo 2021
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 19 nov 2021 13:55 ~ ultimo agg. 15:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo le interminabili code sulle strade nella settimana di Ecomondo, legate alla concomitanza tra l’evento fieristico e alcuni lavori di Hera in via della Fiera, l’amministrazione cerca di correre ai ripari. Si è svolto infatti il primo di una serie di tavoli tecnici tra il Comune e la multiutility con l’obiettivo di armonizzare le tempistiche dei cantieri della città con i principali eventi cittadini in modo da contenere il più possibile i disagi per automobilisti e residenti. All’incontro erano presenti gli assessori Mattia Morolli (Lavori pubblici) e Juri Magrini (Polizia locale) che hanno illustrato ai rappresentanti di Hera il calendario dettagliato dei prossimi grandi eventi previsti in città – a partire dal Sigep che ripartirà dopo il lockdown a gennaio 2022 – mentre i tecnici di Hera hanno dettagliato i prossimi cantieri in programma (a partire da quelli per il PSBO). L’obiettivo è quello di evitare di sovrapporre i cantieri ai grandi eventi.

L’auspicato ritorno delle grandi fiere – spiegano Morolli e Magrini – e degli eventi, rende ancora più importante la programmazione dei cantieri in città. I tavoli serviranno per aggiornarci reciprocamente e in tempo reale, con Hera, sullo sviluppo dei cantieri e per ottimizzare l’organizzazione del traffico. Fare in modo, in sintesi, che il grande flusso di turisti e operatori economici che siamo contenti di tornare ad ospitare a Rimini, sia assorbito nel migliore dei modi. Certo, sono già previsti per questi momenti il potenziamento dei turni e degli agenti di Polizia locale dedicati esclusivamente alla viabilità, ma l’obbiettivo è quello di prevenire il più possibile, evitando le chiusure delle arterie cittadine importanti nel corso delle giornate di traffico più intenso”.