Indietro
mercoledì 19 gennaio 2022
menu
Calcio B Femminile

Cortefranca due volte a tempo scaduto: Academy battuta sul Lago d’Iseo

In foto: ©SMAcademy/Zurru
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
dom 28 nov 2021 23:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Serie B Femminile, 9. giornata | Cortefranca-San Marino Academy 2-1

IL TABELLINO
CORTEFRANCA [4-5-1]: Ferrari; Vavassori, Lacchini, Brevi (dal 76’ Valtulini), Redolfi; Muraro (dall’80’ Zanetti), Kiem, Valesi, Freddi (dal 76’ Belotti), Martani (dall’85’ Gervasi); Velati. A disposizione: Limardi, Asperti, Belussi, Giudici, Bonfante. Allenatore: Nicoletta Mazza.

SAN MARINO ACADEMY [4-2-3-1]: Montanari; Marrone (dall’81’ Venturini), Fusar Poli (dall’81’ Baldini), Groff, Micciarelli; Jansen, Brambilla; Menin, Massa (dal 69’ Alborghetti), Papaleo (dal 56’ Montalti); Barbieri. A disposizione: Nozzi, Bertolotti. Allenatore: Alain Conte.

Arbitro: Giovanni Castellano di Nichelino.
Assistenti: Damiano Caldarola di Asti e Lorenzo Savasta di Bra.

Reti: 45’+1’ Kiem, 61’ Jansen, 90’+5’ Vavassori.

Ammonite: Brevi, Brambilla, Marrone, Murata.

Espulsa: Brambilla.

CRONACA E COMMENTO
La prima volta tra Cortefranca e San Marino è in un campionato diverso da quello che l’una e l’altra hanno disputato lo scorso anno. Le neopromosse lombarde, in Serie B dopo aver vinto il Girone B di Serie C, mettono in atto una battaglia a tutto campo, pressando altissimo il giro palla dell’Academy fin dai primi abboccamenti. Una prestazione di straordinaria intensità che, come assicurano Vavassori e Mazza nel post-partita, è stata appositamente preparata. E ha frutto un importante successo. Nonostante sia la San Marino Academy ad avere le occasioni migliori, le Titane non riescono a portare il punteggio dalla propria parte schiudendo a venticinque minuti di inferiorità numerica culminati nel gol vittoria di Vavassori (il quarto in nove partite per il terzino) al 90’+5’. Numerose le assenza da ambo i lati: fronte sammarinese si segnalano il debutto in campionato di Montanari e il ritorno in formazione titolare per Massa e Jansen, mentre Fusar Poli retrocede al centro della difesa per le non perfette condizioni di Nozzi, Montalti e Venturini.

Andando con ordine, le Biancazzurre si fanno pericolose dopo cinque minuti col colpo di testa in mischia di Massa, che non riesce a direzionare verso la porta pizzicando Barbieri in fuorigioco. Le padrone di casa, orfane di bomber Picchi, si affidano alla velocità di Velati e Muraro in ripartenza, destando non poca preoccupazione quando riescono a muoversi negli spazi. Una promettente iniziativa di Micciarelli non trova sbocchi al 10’, mentre la prima vera occasione da gol è per Muraro. Scappata alle spalle di Groff, arriva a calciare da posizione defilata superando l’uscita di Montanari senza inquadrare lo specchio della porta.
Si gioca nel freddo pungente del Comunale Luigi Bufali, su cui imperversa una battente pioggia che per dieci minuti del primo tempo diventa grandine. Campo comprensibilmente pesantissimo, che limita la circolazione dell’Academy ed esalta l’agonismo del Cortefranca – oggi in tenuta giallo-verde. A metà frazione ammonite Brevi e Brambilla per due interventi da tergo, poi Papaleo ci prova con un destro da dentro l’area che incoccia sul palo di sostegno. È il momento migliore dell’Academy, che assume le redini del gioco e produce occasioni in serie. Barbieri sfiora la traversa col mancino da fuori al 33’, poi doppia occasione per Menin: la prima, da posizione defilata, si infrange sul palo interno ed attraversa tutta l’area piccola, senza incontrare deviazioni. La successiva, su suggerimento di Barbieri, si risolve in un destro volante poco incisivo. Il Cortefranca alleggerisce col tentativo dal limite di Muraro, accompagnato sul fondo da Montanari, e nel finale l’Academy sciupa e protesta. È il 44’ quando Brambilla pesca a centro area Jansen, che calcia a botta sicura facendo tremare il montante alla sinistra di Ferrari, determinante sull’immediato tentativo di Papaleo. L’ex Napoli torna poi sul pallone, venendo travolta tra Lacchini che colpisce tutto – arrivando sulla caviglia della Titana. Per Castellano è tutto regolare, come pochi secondi più tardi quando Micciarelli si accentra saltando due avversarie prima di essere agganciata al limite da Valesi. Si continua a giocare e su quel ribaltamento di gioco, Velati è bravissima ad attaccare la profondità e servire Kiem che dal limite trova l’incrocio dei pali per il vantaggio del Cortefranca. Doccia gelata, ancor più della grandine, per l’Academy che guadagna la via degli spogliatoi sotto nel punteggio dopo aver fatto la partita e aver prodotto tante opportunità. L’incontro ricorda molto la trasferta di Ravenna per lo sviluppo dell’intreccio e come allora, non avrà lieto fine. In avvio di ripresa Menin trova la porta dopo appena 11”, chiamando Ferrari al primo intervento. Poi tocca a Massa tentarci con tutti i fondamentali: sinistro, destro e testa. In ogni occasione manca
un pizzico di precisione, specie nella zuccata all’8’ su invito di Marrone. Poco più tardi è Papaleo ad avere un’occasione d’oro, tenuta in gioco da Lacchini e messa in moto da Massa: nell’uno contro uno è Ferrari, alla sua seconda presenza in campionato per l’assenza di Meleddu, a imporsi.
Il Cortefranca continua nell’interpretare il suo spartito di difesa ad oltranza e ripartenza, liberando al tiro Velati al 12’. I piani di Nicoletta Mazza si complicano all’ora di gioco, quando Jansen trova il pertugio per la rete del pareggio: Fusar Poli, tornata in mezzo al campo dopo l’ingresso di Montalti, scatena la corsa di Menin che corra sul primo palo. L’intervento di Barbieri favorisce un’impennata che porta il pallone in zona area piccola, dove l’inserimento di Jansen vale il punto dell’1-1. Secondo gol stagione per l’olandese, a segno a Bari. Purtroppo, nemmeno quello di oggi sarà una rete foriera di punti in classifica.
Già, perché dopo la fortuita traversa colpita da Redolfi, in seguito ad un cross impreciso, la partita svolta sul secondo cartellino giallo sventolato da Castellano all’indirizzo di Viola Brambilla. Oltre un quarto di gara in inferiorità numerica per la San Marino Academy, che prova comunque a vincerla con l’avvicendamento tra Alborghetti e Massa. Proprio la lombarda si libera della marcatura di Belotti per cercare di impattare in scivolata la punizione dalla trequarti di Fusar Poli, ma senza esito. Ora gli spazi per il Cortefranca aumentano vertiginosamente, ma le ragazze di Mazza non ne approfittano al 35’ con Martani, liberata al tiro dal limite in totale libertà dalla genialata di Velati – tra le migliori in campo insieme a Kiem. La centrocampista, autrice della prima rete, pennella un gran cross nel cuore dell’area che Martani – tutta sola – non riesce ad agganciare col mancino. Ora gli schemi sono completamente saltati, con l’Academy a caccia dell’intera posta nonostante l’inferiorità numerica. Gervasi arriva a calciare con l’esterno destro dal limite, ma il suo tentativo risulta troppo centrale per far male a Montanari. Medesima sorte del sinistro di Zanetti, scattata in campo aperto nel corso del primo dei cinque minuti di recupero. La San Marino Academy ci prova con la forza dei nervi, costruendo due buone opportunità a cavallo del 47’. Una buona giocata di Venturini – entrata a centrocampo – libera la corsia per Menin, alla ricerca di Barbieri che gira a lato di testa. Più tardi, è di Alborghetti l’ultima chance: accentratasi sul destro, non riesce ad imprimere forza e precisione alla sua conclusione, agganciata a terra da Ferrari. E se da tempo è palese che al Cortefranca il punto basti e avanzi, l’ultimo corner della partita – generato per un rimpallo tra Kiem e Groff sulla trequarti –, ha ancora qualcosa da dire. Redolfi va direttamente in porta col sinistro a rientrare, dove Montanari se la cava con l’aiuto delle compagne mentre Velati si vede sfilare il pallone della vittoria a un palmo dal naso. Sul proseguo dell’azione l’Academy non riesce a liberare e Redolfi può rimettere al centro un pallone che, per effetto di un errore tecnico di Montanari, si trasforma nel gol vittoria di Vavassori – che anticipa il triplice fischio dell’arbitro.

Secondo successo consecutivo in casa per il Cortefranca, dopo un solo punto prodotto nei tre tentativi precedenti. Per l’Academy si conferma tabù la provincia di Brescia ed ora il pensiero è rivolto già all’incontro casalingo col Palermo – altra neopromossa a caccia di punti salvezza.

Ufficio Stampa San Marino Academy

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.