Indietro
menu
"odg contro fascismo"

Violenza a Roma. Insieme per Coriano al Sindaco: condannare e prendere distanze

In foto: Insieme per Coriano
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 11 ott 2021 13:36 ~ ultimo agg. 14:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I consiglieri di Insieme per Coriano chiedono al sindaco Domenica Spinelli di inserire all’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale la proposta di sostenere nelle sedi opportune ogni azione che conduca allo scioglimento delle forze di stampo fascista dalle istituzioni democratiche della città. Una proposta che arriva all’indomani dell’assalto alla sede Cgil di Roma. I consiglieri invitano il sindaco e la giunta a “prendere immediatamente le distanze, senza se e senza ma e a farsi promotori con i mezzi consentiti dalla legge dello scioglimento dei gruppi di matrice fascista“.

La nota dei consiglieri di Insieme per Coriano

In considerazione degli episodi accaduti a Roma nei giorni scorsi e, più in generale, di quanto sta da tempo accadendo nella cultura nazionale, manifestato con gravi atti di violenza fisici e verbali, culminati nell’assalto alla sede della CGIL, in quello tentato a Palazzo Chigi e nella brutale aggressione al personale sanitario del Pronto soccorso del Policlinico Umberto I, tutto il gruppo consiliare di Insieme per Coriano respinge fermamente ogni tipo di violenta manifestazione di dissenso, qualsiasi sia la matrice.
Nello specifico, i casi citati riferiscono di persone con appartenenza a movimenti di stampo fascista come “Forza Nuova”, e perciò riteniamo ancora più urgente condannarle e invitiamo tutte le rappresentanze istituzionali, compresi il Sindaco, la giunta di Coriano e tutto il Consigli comunale, per quanto di loro competenza, di prendere immediatamente le distanze, senza se e senza ma, e di farsi promotori con i mezzi consentiti dalla legge dello scioglimento dei gruppi di matrice fascista.
Esprimiamo quindi la nostra solidarietà agli amici della CGIL, ai professionisti sanitari dell’Umberto I, infermieri e medici, che hanno subito una violenza esecrabile, alle forze dell’ordine che si impegnano con professionalità e senso delle istituzioni a fermare tali spregevoli azioni, dichiarando chiaramente che siamo al loro fianco in questa battaglia in tutte le sedi democratiche a noi concesse.
Presentiamo, dunque, oggi stesso, al Sindaco di Coriano, la richiesta di inserire all’ordine del giorno, del prossimo Consiglio comunale, la proposta di sostenere nelle sedi opportune ogni azione necessaria che possa condurre allo scioglimento delle forze di stampo chiaramente fascista da parte di tutte le istituzioni democratiche della città di Coriano.

I consiglieri Cristian Paolucci, Roberta Talacci, Enrica Innocentini, Alessandro Leonardi