Indietro
menu
Potenziati servizi di prossimità

'Rimini Salute Unica'. Con la firma di Speranza parte il protocollo

In foto: l'ospedale Infermi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 1 ott 2021 12:23 ~ ultimo agg. 2 ott 08:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Giovedì con la firma da parte del Ministro della Salute Speranza è stato ufficialmente stipulato il protocollo di intesa per “Rimini Salute Unica – One Health” che vede lavorare insieme Regione Emilia Romagna, Provincia e Comune di Rimini, Ausl Romagna, Istituto Ortopedico Rizzoli. l’Università Alma Mater Studiorum. Lo annuncia il sindaco di Rimini Andrea Gnassi sulla sua pagina Facebook.

“E’ il primo protocollo del genere in Italia che individua le coordinate generali in tema di salute unica e che consentirà di dare vita al più grande hub della salute in Italia. Ricerca, saperi, prevenzione, promozione di stili di vita, servizi innovativi. Rimini sarà sede di master professionalizzanti in area medica nell’ambito del Policlinico della Romagna e dell’innovativo Institute for Health e che si occuperà dello straordinario tema delle connessioni tra salute umana e salute ambientale con l’obiettivo di coordinare le azioni di prevenzione, di controllo e sviluppare interventi e piani efficaci, applicando il nuovo principio della salute unica”. Prevista inoltre la realizzazione di health/wellness urban station per l’attività fisica e la prevenzione.

“Un programma innovativo, che propone un nuovo approccio in ambito sanitario coerente con gli obiettivi del Piano Nazionale di ripresa e Resilienza, e che tra le azioni in campo prevede il potenziamento dei servizi sanitari e sociali di prossimità: tra queste la realizzazione di sei nuove case della salute“, sottolinea il sindaco Gnassi.

Per la Romagna sono previsti investimenti per quasi 58 milioni, approvati qualche giorno fa dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria della Romagna, per la realizzazione di 23 case di comunità, 11 nuove centrali operative territoriali, 7 ospedali di comunità.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione