Indietro
menu
Medicina protagonista

Il congressuale di IEG riparte con undici eventi a ottobre

In foto: il palacongressi di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 2 ott 2021 10:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il settore congressuale di Italian Exhibition Group riparte in condizioni di sicurezza e con un calendario che fa auspicare una ripresa non effimera. Previsti in ottobre undici appuntamenti per un totale di 23 giornate congressuali con circa 23.300 presenze. Dopo il ritorno del raduno della Grand Loggia del Grand’Oriente d’Italia (1-2 ottobre), a ottobre saranno protagonisti in particolare gli eventi di carattere medico-scientifico.

Del futuro della nefrologia si parlerà da mercoledì 6 a sabato 9 al 62° Congresso nazionale SIN (Società Italiana di Nefrologia)Domenica 10 ottobre si svolgerà invece la dodicesima Giornata del Medico e dell’Odontoiatra, seguito dal 14 al 16 dal XX Congresso Nazionale Sidem – Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare. Il medico radiologo tra clinica e tecnologia il tema dell’evento organizzato dal SIRM, Società Italiana Radiologia Medica ed interventistica dal 28 al 30 ottobre: dopo il congresso nazionale tenutosi in forma ibrida un anno fa, un ritorno con sezioni specialistiche e meeting regionali da parte dell’associazione dei medici radiologi che conta oltre 11mila iscritti. Ancora un ritorno il 12 ottobre, con l’Hospitality Day, giunto all’8a edizione. A seguire, il 14 ottobre, il Food Marketing Festival, dedicato agli imprenditori della ristorazione. Dal 17 al 19 si daranno invece appuntamento a Rimini i parrucchieri riuniti sotto il marchio ClassHair.

“La voglia di tornare ad incontrarsi in presenza, nel rispetto dei protocolli di sicurezza, è palpabile – afferma il direttore della divisione Events & Conference di IEG Fabio De Santis – Questi primi mesi ci stanno addirittura indicando una ripresa migliore delle aspettative: il calo atteso risulta inferiore alle previsioni e se questo andamento sarà confermato si potrà forse tornare ai livelli pre pandemia anche prima di quanto previsto, già nel 2023”.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione