Indietro
menu
I dettagli operativi

Green Pass, come funzionerà in comune: controlli all'ingresso per tutti

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 6 ott 2021 12:27 ~ ultimo agg. 15:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Attraverso una circolare del capo dipartimento dei servizi di staff del Comune di Rimini, arrivano le prime indicazioni operative sull’applicazione del dl che prevede dal 15 ottobre l’obbligo di green pass per tutti i lavoratori del pubblico e del privato. Il comune di Rimini avrà un addetto all’ingresso delle diverse sedi che con l’apposita app accerterà la validità della certificazione. Sarà sottoposto ai controlli  tutto il personale dipendente e tutti i soggetti esterni che svolgono servizio lavorativo nei locali dell’Ente. Allo stesso modo saranno sottoposti a verifica i titolari di cariche elettive e i rappresentanti degli organi di indirizzo politico amministrativo. Il provvedimento invece non riguarda il personale educativo e scolastico e il personale delle strutture sanitarie e socio-assistenziali, già interessato da precise disposizioni. L’attività di verifica sarà effettuata nel rispetto della tutela della privacy quindi non sarà possibile raccogliere informazioni sulla tipologia di certificazione verde (registrare cioè se il dipendente è vaccinato, se è guarito da Covid o se si è sottoposto a tampone). Ciò comporta la necessità di sottoporre a controllo giornaliero tutti i dipendenti, anche se vaccinati. I soggetti incaricati dei controlli saranno tenuti a mantenere il più stretto riserbo sugli esiti delle verifiche e dovranno quotidianamente comunicare solo ai referenti indicati dal dirigente responsabile i nominativi dei dipendenti che si sono presentati all’ingresso della sede di lavoro sprovvisti del green pass. La normativa prevede che il personale sprovvisto della certificazione verde non potrà accedere al luogo di lavoro. Tale personale è inoltre considerato “assente ingiustificato” e per i giorni di assenza non avrà diritto a ricevere il trattamento economico e previdenziale. La condizione di assenza ingiustificata e la conseguente sospensione del trattamento economico perdureranno fino al momento in cui il dipendente produrrà la documentazione richiesta e comunque non oltre il 31 dicembre, attuale termine di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica e di validità del decreto legge.

Sul piano del rapporto di lavoro, l’assenza ingiustificata determinata dall’assenza del green pass non comporterà responsabilità e quindi sanzioni disciplinari in capo al dipendente, che invece sono previste nel caso in cui il personale sprovvisto della certificazione verde Covid-19 sia entrato, nonostante il divieto di accesso, nel luogo di lavoro (ad esempio perché ha eluso i controlli agli ingressi). In tal caso la legge prevede che la violazione sia punita con una sanzione amministrativa pecuniaria, la cui applicazione compete al Prefetto. Identica sanzione pecuniaria è prevista anche per i dirigenti responsabili che non svolgeranno i controlli sul rispetto dei nuovi obblighi.

 

Altre notizie
di Redazione
di Andrea Polazzi
VIDEO
Notizie correlate
di Andrea Polazzi