Indietro
menu
non sono gravi

Terrore sul bus. Azienda vicina ad Elisa e Daniela, le due controllore

In foto: © Manuel Migliorini - Adriapress.
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 12 set 2021 11:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un normale giorno di lavoro che per Elisa e Daniela, che si è trasformato in un incubo. Sono le due dipendenti di Holacheck aggredite con un coltello dopo aver chiesto di mostrare il biglietto ad un somalo sulla linea 11. Una delle due è già stata dimessa dall’ospedale, mentre l’altra è ancora ricoverata ma, per fortuna, non in gravi condizioni. A loro arriva anche la vicinanza della loro azienda, che fornisce servizi di controllo anche per Start Romagna. “Holacheck è vicina ad Elisa e Daniela, coinvolte nella scioccante aggressione sul bus in servizio a Rimini sabato pomeriggio. Ci associamo alla solidarietà espressa da Start Romagna e al ringraziamento alle forze dell’ordine per il tempestivo intervento. Il servizio di controlleria è per sua natura generatore di un dialogo con i clienti, talvolta anche alterato, ma quanto accaduto è trasceso in fatti intollerabili che hanno coinvolto altre persone e anche un bambino. Speriamo davvero che per tutti si risolva al meglio e in breve tempo”.

La stessa Start fa sapere che “tutto il sistema nazionale del trasporto pubblico locale, le associazioni che riuniscono le aziende pubbliche, i partners operativi, stanno testimoniando vicinanza a Start Romagna e a tutte le persone coinvolte. Il tema della sicurezza a bordo dei bus – è opinione di tutti – è un problema diffuso in tutta Italia e serve porvi mano con azioni che supportino e tutelino  passeggeri e lavoratori”.

Notizie correlate
di Redazione