Indietro
menu
In lista 15 donne, 12 uomini

Si presenta Noi Amiamo Rimini. Paesani capolista: il metodo deve cambiare

In foto: foto di gruppo per Noi Amiamo Rimini
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 14 minuti
mer 8 set 2021 16:25 ~ ultimo agg. 9 set 13:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 14 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

27 candidati con 15 donne in lista. Sono i numeri di Noi Amiamo Rimini, realtà civica creata da Lucio Paesani che fa parte della coalizione di centrodestra che sostiene Enzo Ceccarelli. A fare da padrone di casa alla presentazione, nella piazzetta di via Popilia alle Celle, proprio Paesani che sarà anche capolista. Nel suo intervento ha criticato il “metodo” usato dall’amministrazione Gnassi rea di essere chiusa al confronto con i cittadini. Il sindaco viene bollato come “un coreografo” che nei suoi 10 anni alla guida della città “ha nascosto la polvere sotto al tappeto“. Paesani ne ha anche per Gloria Lisi che “per dieci anni ha condiviso, da vicesindaca, tutto quello che ha fatto Gnassi“. Escluso quindi qualsiasi tipo di apparentamento in caso di ballottaggio. “Un voto per la Lisi è un voto buttato” ha detto Paesani in chiusura di conferenza. Ce n’è poi anche per il cosiddetto fuoco amico. Non sono andate giù infatti le critiche arrivate a Ceccarelli (l’ultima, sull’ipotesi di riapertura temporanea alle auto del ponte di Tiberio in attesa di realizzare un nuovo ponte) da parte di Alessandro Ravaglioli, esponente della Lega che ha accarezzato per parecchie settimane la possibilità di essere il candidato sindaco. “Se non si riconosce più nel centro destra – ha detto Paesani – consegni la tessera della Lega.” A chiudere la conferenza, dopo la presentazione di tutti i candidati, è stato Enzo Ceccarelli che ha ribadito la possibilità di vittoria al primo turno per il centrodestra.

I candidati di Noi Amiamo Rimini

Paesani Lucio (capolista), 46 anni, imprenditore
Lugaresi Attilio, 77 anni, già assessore al turismo giunta Ravaioli
Lisi Fabio, 61 anni, direttore tecnico
Mengozzi Elena, 53 anni, commercialista
Cevoli Stefano, 55 anni, tassista e vice presidente co.ta.ri
Camelia Alyssa, 35 anni, impiegata direzione ufficio bilanci e amministrazione
Fagotto Morena
Degl’Innocenti Claudia, imprenditrice
D’Addario Palmiro Vittorio
Tosi Brandi Alcide, 80 anni
Nucci Alessio, piccolo imprenditore
Maffi Arianna, 50 anni impiegata amministrativa
Ene Andreea Lacromioara, 37 anni, operatrice turistica
Maffi Massimo
Palumbo Giammarco, 20 anni, studente universitario
Innisi Antonella, 53 anni, impegnata in ristorazione e abbigliamento
Berardi Fernanda, responsabile Pets Shop
Berti Davide, ex commerciante viale Vespucci
Cagnino Margherita, 20 anni, studentessa universitaria
Di Teodoro Ubaldo,
Cancellieri Giovanni, 68 anni, comitato Borgo Marina
Brozzetti Giulia, 18 anni, studentessa liceo Artistico
Vandi Michela, 44 anni, albergatrice
Dorosmai Silvia, 48 anni, negoziante
Santonastasi Sonia, 27 anni, cameriera
Squadrani Giorgia, 21 anni
Montebelli Manuela, 51 anni, HR manager

Le dichiarazioni dei candidati (a cura dell’Ufficio Stampa)

Attilio (Massimo) Lugaresi:
“Sono nato a Castiglione di Cervia, il 2 giugno 1944, in un rifugio dentro le saline, sotto un feroce bombardamento. La mia famiglia era “sfollata” nei campi di uno zio. Viserbese per necessità immobiliare ed antica tradizione, ho studiato fino alla maturità scientifica, con una predilezione però per il latino che recitavo meglio di un prete. Iscritto all’Università di Urbino, ho superato solo una decina di esami giurisprudenziali, non pensando (allora) che la laurea mi sarebbe stata necessaria dopo. Ho iniziato a lavorare in banca a 18 anni. Terminato nel 2001 come funzionario. La politica è arrivata per caso. Nel 1975 venni candidato dal Pci nella versione Sirenetta Casa del Popolo, allora potente bancomat della federazione. Presi uno sbarello di preferenze che mi consentirono di sedere in consiglio comunale vicino a Veniero Accreman. Poi iniziò un lungo percorso, durato tre legislature. Delegato allo sport, lavori pubblici, edilizia privata e pubblica, per finire nel 1985 come responsabile Dipartimento Territorio. Dopo una pausa dovuta alle prime convulsioni del partito e discordanze sulla gestione, ritornai nel 1999, con il sindaco (civico) Ravaioli, come capogruppo Ds. Nel 2005 presentai lettera di dimissioni, intuendo la strada peccaminosa, ma remunerativa, che la sinistra avrebbe intrapreso, assorbendo due logiche di potere contrastanti. Nacque il Pd. Me ne andai. ”

Fabio Lisi:
“Mi chiamo Fabio Lisi sono di Rimini e sto per compiere il 61° anno di età, sono sposato,
ho tre figli ed un nipote. Sono diplomato geometra e con la professione ho maturato una specializzazione nel trattare problematiche complesse sui classamenti catastali e contenziosi tributari. Da circa vent’anni anni sono direttore tecnico presso una Società di Rimini che si occupa di fornire agli Enti Locali le migliori soluzioni per le attività di formazione di banche dati necessarie alla informatizzazione degli uffici e per erogare nuovi servizi digitali ai cittadini.
Tali esperienze mi hanno consentito di entrare in contato con entrambi i mondi del lavoro, quello privato dell’attività professionale e quello dei pubblici uffici ed ho così avuto l’occasione di sviluppare una specifica competenza sulle questioni inerenti alla tassazione degli immobili che mi ha permesso di raggiungere importanti soddisfazioni personali e professionali.
Ho una formazione mentale tecnica che mi porta ad essere puntiglioso ed orientato a
trovare la giusta soluzione ai problemi; ho preferenza per il lavoro di squadra perché
ritengo che i risultati migliori si raggiungono con il confronto tra le persone e la
condivisione delle idee.
Sono stato avvicinato da Lucio Paesani per un pensiero critico sulla città e sulla necessità di un cambiamento in grado di restituire a Rimini la sua vera identità. Mi hanno entusiasmato le persone che sono state coinvolte, le loro idee e le tante soluzioni scaturite in occasione dei vari incontri. Mi ha appassionato: l’amore di molti
per la città, la richiesta di una maggiore sicurezza per una Rimini diversa, moderna ed imprenditoriale, capace di fare emozionare i turisti e gli ospiti di questa città.
Ho quindi accettato di fare parte della squadra e della lista Noi Amiamo Rimini che si presenterà alle prossime elezioni amministrative della città.”

Elena Mengozzi: nata ad Imola (Bo) l’11 giugno 1968, residente a Rimini. Commercialista, Consulente aziendale, Gestioni in outsourcing di uffici amministrativi aziendali, formatore, business coach. Ho capacità relazionali e di comunicazione, flessibilità, adattabilità, mismatcher. Risolvere problemi e creare valore è la mia missione
Stefano Cevoli: nato a Rimini 08/02/66, sposato con due figlie, professione tassista e vice presidente della co.ta.ri cooperativa tassisti riminesi , con i miei genitori ho gestito il tabacchi storico di San Giuliano via Ortigara per 40 anni socio di una pasticceria a Torre Pedrera via San Salvadori Dolci Pensieri, proprietario per più di 10 anni del chiosco Naviglio situato in via Matteotti 1 (ponte dei mille ) dirigente della società sportiva dilettanti Rimini United con settore giovanile di 350 ragazzi.
Ho aderito a questa lista civica Noi Rimini perché credo nel cambiamento e nella rinascita della nostra Rimini. Ho scelto questa lista perché Lucio Paesani ha già dimostrato di saper mettere Rimini anche dinanzi a sé stesso.

Alyssa Camelia: nata a Rimini il 08.04.1986 e residente a Rimini.
Laureata in Economia del Turismo con Master in Gestione dei Servizi Bancari e Finanziari, durante l’Università mi occupo di organizzazione eventi a promozione della realtà turistica di Rimini. Dal 2012 lavoro nel gruppo Intesa Sanpaolo, come coordinatrice di eventi istituzionali e sponsorizzazioni in Italia e all’estero. Ho lavorato per 3 anni a Milano e in USA, periodo in cui ho assunto un approccio internazionale al lavoro. Attualmente lavoro in direzione ufficio bilanci e amministrazione. Ho scelto di candidarmi nella lista civica NOIRIMINI perché credo che vada rilanciata l”eccellenza turistica riminese e per valorizzare il potenziale del territorio forese, troppo spesso abbandonato. Con Enzo Ceccarelli, LUCIO PAESANI, e gli amici della lista, per assumerci ognuno, la nostra parte di responsabilità. UNITI PER RILANCIARE RIMINI.”

Morena Fagotto: mi chiamo Morena, sono nata in Friuli. Vivo a Rimini da 22 anni, sono un’imprenditrice, anzi per come la penso io, sona una collega dei miei collaboratori. Amo Rimini e vorrei che chi la visita, avesse un ricordo piacevole, un’esperienza unica che lo accompagna per un anno intero.

Claudia Degl’Innocenti: vivo a Rimini, ho da sempre due passioni; il nuoto e la moda, questo mi ha spinta ad intraprendere la scuola come stilista e x anni ho disegnato e portato il mio brand sia in Italia che all’estero presentando sfilate di moda a Parigi, Milano, Firenze e avere clienti perfino a New York, viaggiare mi ha aperto la mente e fatto capire che nel cuore il tuo paese non ti lascerà mai.
Non mi ha mai lasciato neanche la passione del nuoto e dell’acqua di cui ho preso i brevetti FIN come istruttore e costituito una ASD con il nome di Acquaviva che conta più di 200 bambini iscritti, inoltre 4 anni fa ho aperto un parco di circa 4.000 mq (AcquavivaPark) in via Coriano (Rimini) dove ho fatto la mia sede come centro ricreativo e sportivo con piscina e tante attività estive , eventi per i bambini e ragazzi … in questo momento è diventato il mio centro di vita in cui metto tanta passione e impegno. Ho deciso di scendere in campo perché credo e sono convinta che Rimini meriti di essere di nuovo la città leader del turismo in Europa, la città degli imprenditori che oltre a fare trascorrere vacanze indimenticabili ai turisti danno anche tanto lavoro.
Le famiglie devono sentirsi sicure di passeggiare con i propri figli, ed i giovani, che sono il nostro domani, devono poter trovare qua le opportunità che Rimini ha sempre offerto.
Sono fiera di poter dare il mio contributo a Noi Rimini con Lucio Paesani per sostenere Enzo Ceccarelli. Il momento è arrivato, una Rimini nuova ci aspetta”

Palmiro Vittorio D’Addario: sposato, con 2 figli e 2 nipoti. Colpito dalla poliomielite all’età di 18 mesi e ricoverato all’istituto “Sol et Salus” di Torre Pedrera. Vive in Romagna, regione che lo ha accolto da oltre 60 anni. Tutta una vita a Viserbella di Rimini, città della quale ha imparato ad amare pregi e difetti e che in questi anni lo ha visto partecipe nel settore della cooperazione sociale, promuovendo incontri, convegni, tavole rotonde e meeting.
Alcide Tosi Brandi: Sono stato consigliere di quartiere, ed è un appassionato di Rimini e di politica. “Sono nato il 25 settembre 1941 a Rimini, dove risiedo da sempre.
Mi sono diplomato ragioniere all’Istituto Roberto Valturio di Rimini e sono stato solo iscritto all’Università di Bologna senza dare alcun esame perché ho preferito impiegarmi subito alla Cassa di Risparmio di Rimini dove ho svolto funzioni da Responsabile presso vari uffici.
Ho adempiuto all’obbligo del Servizio di Leva col grado di Sottotenente e, dopo alcuni “richiami per aggiornamenti” posso vantarmi di essere un ” Primo Capitano”.
Ho praticato, da semplice amatore, vari sport, tennis, calcio, podismo, ciclismo, ecc, e mi vanto di avere avuto come primo Maestro di ginnastica l’Olimpionico Romeo Neri.
Felicemente sposato e tristemente rimasto vedovo, ho una bella famiglia con tre figli e quattro nipoti. Dai primi anni duemila alla chiusura, decretata per Legge, per due legislature sono stato Consigliere nella Circoscrizione n, 2 (Via Chiabrera/Firenze – Parco Cervi/Callas), eletto tra i candidati di Forza Italia, acquisendo un’importante esperienza che mi auguro altri possano fare col ripristino dei Quartieri così come pare voglia più di un candidato Sindaco di Rimini. Oggi, soprattutto per la spinta di Lucio Paesani, vedo un entusiasmo a volere cercare dei cambiamenti per migliorare l’immagine e la vita dei cittadini di Rimini che mi coinvolge per collaborare con chi si è posto obiettivi che condivido e in cui credo.”

Alessio Nucci:
“Sono Alessio Nucci, piccolo imprenditore nel campo dei trasporti.
Da 10 anni mi impegno per le periferie, soprattutto nel mio quartiere in cui ho fondato il Comitato Spadarolo Vergiano sicure, del quale sono portavoce, ma anche nel resto della città, prima come militante de La Destra e poi come candidato al consiglio comunale nel 2016 con la lista civica “Uniti si vince”. Sono inoltre vicepresidente dell’associazione di commercianti e imprenditori “Zeinta di Borg”. Mi candido perché sono convinto che Rimini vada considerata nella sua interezza, soprattutto per quanto riguarda il forese, da troppo tempo abbandonato a sé stesso.”

Arianna Maffi: ho 50 anni, nata e cresciuta a Rimini, mamma di due figlie, e come mi piace definirmi “Riminese Doc”. Non ho fatto l’Università, ho solo il diploma di scuola superiore come Analista Contabile e la mia esperienza di vita.
Ho sempre lavorato come impiegata amministrativa nel settore privato dall’edilizia al settore del turismo e divertimento quindi conosco varie realtà.
Sono convinta che non dovrebbe esistere destra-centro-sinistra ma un’unione per il bene comune. Fino a quando tutto sarà misurato in termini di soldi, le persone saranno solo considerate numeri e statistiche, io voglio essere considerata una persona, libera di pensare, di agire, di parlare. Amo Rimini, e sono stanca di viverla come spettatrice e di vederla cadere sempre più nel caos, voglio portare il mio contributo attivamente.
Io voglio che Rimini torni ad essere vivibile, che venga tutelato ed agevolato il commercio di tutte le attività, che venga resa più sicura soprattutto voglio giustizia e verità.”

Andreea Lacramioara Ene: operatrice turistica. Unisce al lavoro che ama, l’impegno sociale nella comunità ortodossa della Diocesi di via Garibaldi.
“Sono Andreea Lacramioara Ene, 37 anni, nata e cresciuta in Romania, residente in Italia da 19 anni, Riminese nell’anima. Sono un’operatrice turistica e lavoro nel settore da 18 anni. Sono cristiano ortodossa e faccio parte della Diocesi Rumena di Rimini. Pur mantenendo tradizioni e usanze del mio paese d’origine, ritengo di essere un perfetto esempio di integrazione. Per me e la mia famiglia Rimini è casa! Insieme agli amici della lista civica NoiRimini desidero dare il mio contributo a sostegno di Enzo Ceccarelli sulle tematiche che mi stanno più a cuore sono la de-stagionalizazzione turistica ed i servizi per i disabili. Il mio moto è “lavorare per migliorare!”

Massimo Maffi: riminese sono un diretto collaboratore del Lounge Bar Naif di Piazza Tre Martiri a Rimini. Ho deciso di far parte della lista civica perché mi è stata data l’opportunità di entrarci e ho accettato più che volentieri. Io amo fortemente la mia città ma non mi piace quello che negli ultimi anni è diventata. Ragione per la quale voglio dare il mio significativo contributo perché avvenga un reale miglioramento della vostra e della mia bella Rimini.
con Lucio Paesani che ha sbaragliato i vecchi ” inciuci” e con Enzo Ceccarelli che ci porterà alla vittoria.”

Giammarco Palumbo: 20 anni e sono iscritto al primo anno di Medicina a Bucarest. Vivere in una realtà differente da quella riminese mi ha dato l’occasione di conoscere la città e di apprezzarne la modernità e la sicurezza. Nonostante la situazione mondiale, ho notato una gestione degli spazi e dei servizi decisamente virtuosa. Vivere quest’esperienza, in un territorio a me estraneo, mi ha dato degli input per riflettere sulla differenza sostanziale tra l’Italia e la Romania. Per me questa differenza è stata una grande ricchezza e ritengo che si possa trovare un modo per implementare un sistema organizzativo che possa essere funzionale ed efficiente in termini di sicurezza, servizi alla comunità e alla salute.
Rimini è una città ricca di potenziale, ma ahimè non viene sfruttato a pieno. Con questo ho deciso così di prendere parte e di candidarmi con la lista civica “NOI RIMINI”. Mi piacerebbe avere una città viva dove i ristoranti e i bar possano lavorare e i trasporti viaggiare in sicurezza, poiché possibile in quanto ho potuto vederlo e viverlo in prima persona.”
Si gioca la partita senza risparmiarsi. Il bilancio lo faremo alla fine, ma vedrai, sarà un esperienza appassionante, che ti insegnerà e che rimarrà con te …
20 anni e sono iscritto al primo anno di Medicina a Bucarest. Vivere in una realtà differente da quella riminese mi ha dato l’occasione di conoscere la città e di apprezzarne la modernità e la sicurezza. Nonostante la situazione mondiale, ho notato una gestione degli spazi e dei servizi decisamente virtuosa. Vivere quest’esperienza, in un territorio a me estraneo, mi ha dato degli input per riflettere sulla differenza sostanziale tra l’Italia e la Romania. Per me questa differenza è stata una grande ricchezza e ritengo che si possa trovare un modo per implementare un sistema organizzativo che possa essere funzionale ed efficiente in termini di sicurezza, servizi alla comunità e alla salute.
Rimini è una città ricca di potenziale, ma ahimè non viene sfruttato a pieno. Con questo ho deciso così di prendere parte e di candidarmi con la lista civica “NOI RIMINI”. Mi piacerebbe avere una città viva dove i ristoranti e i bar possano lavorare e i trasporti viaggiare in sicurezza, poiché possibile in quanto ho potuto vederlo e viverlo in prima persona.”

Antonella Innisi: riminese di anni 53.
Appassionata di ristorazione ed abbigliamento, infatti lavoro in entrambi i settori.
Le mie grandi passioni sono la famiglia e il mare, nelle sue mille sfaccettature ecco perché sono entrata in lista per il progetto legato al porto, alla marineria.

Fernanda Berardi: amo gli animali ed è per questo che mi occupo di pets come collaboratrice rappresentante per varie Aziende.
Durante il periodo estivo sono responsabile in un Pets shop di Rimini sotto l’Hotel Principe.
Ho scelto la lista Lucio Paesani perché vorrei vedere Rimini con un turismo di qualità, più sicura, più curata e con corsie DOVE POTER FARE IL BAGNO CON IL PROPRIO ANIMALE”

Davide Berti: ex commerciante di viale Vespucci.
“Mi chiamo Davide Berti e mi sono candidato per rappresentare i commercianti riminesi in quanto ex commerciante.
Mi sento di dare un apporto conoscendo le problematiche del settore dal vivo avendole pagate sulla mia pelle con la chiusura della mia attività trentennale nel gennaio 2021.
Sono conosciuto anche nell’ambiente sportivo riminese del calcio e del ciclismo”.

Margherita Cagnino: sono una studentessa di 20 anni nata a Rimini, per motivi di studio mi sono trasferita a Roma, dove frequento giurisprudenza alla Luiss. Grazie all’opportunità che mi è stata concessa di studiare a Roma ho potuto vedere e partecipare a determinate attività che mancano nella mia città, soprattutto riguardanti i giovani. Penso che a causa di tutti i limiti che ci impone la società oggi, il ragazzo sia sempre più frenato a dimostrare chi è e di cosa è capace ed anche ad interagire con il mondo senza postare un video o una storia su Instagram o qualche su qualunque altra app. La mia idea sarebbe quella di creare un luogo dove qualsiasi ragazzo possa andare per preparare esami, (l’unica aula studio che abbiamo a Rimini è nella biblioteca Gambalunga e può tenere solamente una decina di persone); per vedersi in collettività per creare un progetto e per farsi aiutare in determinate materie che non comprende. Questo luogo non si deve solo fermare a delle semplici aule studio, vorrei che fosse un luogo dove si possano fare nuove e amicizie e che modo permetta ai ragazzi di percorrere una strada giusta, che li possa aiutare in futuro.
Ubaldo Di Teodoro: abruzzese di nascita, ma vivo a Rimini da tantissimi anni. All’età di 16 anni, ho deciso di diventare imprenditore di me stesso. Amante della Musica nei vari generi, la passione, si è poi trasformata e concretizzata in un vero e proprio lavoro. Da circa 40 anni, svolgo un’attività musicale e professionale che mi porta ad essere costantemente a contatto con il pubblico. Mi riconosco in questa lista, perché ci sono persone che credono nella rinascita e nel benessere della nostra città. Una città stanca e sicuramente da migliorare sotto tanti aspetti, soprattutto quello del turismo anche d’élite e non da ultimo, organizzare concerti con artisti mondiali e di livello internazionale in una località balneare che ha perso smalto e appeal oramai da anni.
Giovanni Cancellieri: classe 1953, di Borgo Marina, ho lavorato presso Agenzie delle entrate di Rimini, sono stato eletto Consigliere di Quartiere per la circoscrizione 1. Sono membro del “Nuovo comitato Borgo Marina” che combatte il degrado a 360°. Sono impegnato nel sociale e collaboro nei pellegrinaggi sparsi nel mondo.
Giulia Brozzetti: ho 18 anni e sono nata a Rimini.
Frequento l’ultimo anno del Liceo Artistico “Volta-Fellini” di Riccione, indirizzo moda.
La mia passione più grande nella vita non è lo studio ma uno sport anzi per meglio definirla una disciplina ovvero l’equitazione; la pratico a livello agonistico quindi occupa la maggior parte del mio tempo.
Lo sport mi ha allontanato dalla cattiva strada, mi ha regalato l’autostima che prima non avevo e a oggi posso dire che è forte, mi ha dato degli obbiettivi per cui lottare costantemente, facendomi crescere e soprattutto credere nel mio futuro.
Lo sport per i ragazzi ma anche per gli adulti è la mia proposta, perché guardandomi intorno vedo molti ragazzi persi, annoiati, senza obbiettivi e con poca autostima, ma anche tanti adulti. Quindi lo sport, di qualsiasi tipo, può essere una via di uscita, uno sfogo, un’alternativa che può cambiare la vita di tante persone.
Rimini è la mia casa ma purtroppo negli ultimi anni l’ho vista cadere in basso, sia per le scelte politiche ma soprattutto per la sicurezza che credo vada ripristinata al più presto.
Parlando per cose a me molto vicine, tante scelte fatte dalla giunta comunale in corso hanno rovinato e portato alla chiusura definitiva tantissime attività storiche e turistiche di Rimini, non contando al contrario le agevolazioni date ad altre attività vicine alla giunta. Credo nella rinascita di Rimini, orgogliosa di far parte della lista Noi Rimini a sostegno di Enzo Ceccarelli sindaco.”

Michela Vandi: albergatrice di rimini sud.
“Sono Michela Vandi, 44 anni, 3 figli. Imprenditrice alberghiera a Rimini. “Rimini potrebbe essere tanto ma ha ancora tanto da fare. Vorrei cercare di riuscire dove tanti mollano, cercando di realizzare dove tanti non osano addentrarsi, e soprattutto cercare di fare invece solo di dire.
Sicurezza e turismo sono un binomio inscindibile e la prima è indispensabile per una realtà turistica. Abbiamo perso il controllo.

Silvia Dorosmai: nata in Ungheria nel 1973. Mi sono trasferita a Rimini dove lavoro in
un laboratorio/ negozio di piade. Vorrei fare la mia parte nella lista per il bene della mia città d’adozione e soprattutto per il futuro dei miei figli e di tutti i ragazzi che si approcciano al mondo del lavoro.

Sonia Santonastasi: ho 27 anni e sono di Rimini. Attualmente lavoro presso come cameriera. Ho deciso di fare parte di questa lista civica e ne sono più che contenta perché voglia ai cambiamenti. Sono giovane, e lavoro nel settore turistico, vorrei continuare a credere nella potenza di questa città, grande forza turistica ed economica e credo non ci sia persona più valida e pronta a poter farla rinascere.
Giorgia Squadrani: 21 anni, ho ottenuto la maturità quest’anno nel settore alberghiero. Desidererei un presente e un futuro per noi giovani, con lavoro, famiglia e la possibilità di poter crescere professionalmente in una società più sicura. Oggi siamo guidati dal consumismo più sfrenato, i giovani soprattutto vivono di questo senza certezze riguardo il futuro. Mi propongo senza promettere nulla ma di applicarmi per costruire, manifestare se necessario, il nostro diritto allo studio ed al lavoro creando spazi di aggregazione di confronto, ascoltando le proposte portandole al consiglio comunale. Manca inoltre una figura giovanile che possa concretamente rappresentare il mondo dei giovani fuori dalle ideologie dei partiti, ed io sono pronta.

Manuela Montebelli: classe 70 nata e cresciuta a Rimini: l’infanzia in centro storico e la maturità zona Padulli.
La mia vocazione è stata sempre orientata all’incontro e all’ascolto delle persone. Non a caso, da 30 anni mi occupo di Risorse Umane e oggi ricopro il ruolo di HR Manager per diverse realtà turistico-alberghiere.
In questi anni ho voluto scommettere di più su me stessa, intraprendendo. Nel 1990 ho aperto a Rimini, la prima agenzia in Italia di ricerca e selezione del personale specializzato per il settore turistico lavorando con albergatori, ristoratori, catene alberghiere e aziende di servizio catering e società di housekeeping. Nel 2013 ho trasformato quest’agenzia in un portale web nazionale dove domanda e offerta di lavoro s’incontrano in autonomia.
Oggi, nel 2021 desidero candidarmi perché sono convinta che l’ascolto sia il punto di partenza per comprendere le necessità dei cittadini, sono fiduciosa nei cambiamenti e convinta anche che, grazie all’innovazione potremo mantenere le tradizioni per essere più attrattivi.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione