Indietro
menu
una decina di giorni

Partito il dragaggio del porto di Riccione

In foto: il dragaggio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 14 set 2021 13:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono partiti nella prima mattinata di oggi i lavori di dragaggio al porto canale di Riccione. La moto draga Uso di E.CO.TE.C srl ha cominciato a scavare il fondale dell’imboccatura per prelevare la sabbia che, come risultato dall’ultimo rilievo batimetrico, è arrivata in eccesso dopo le ultime mareggiate di luglio. I lavori si svolgeranno dalle 6.30 alle 13.30, sabato e domenica esclusi, per non arrecare disagi nel fine settimana.

Dopo una sospensione ad inizio settimana prossima per consentire le analisi delle acque di balneazione di Arpae, che per obbligo di legge impone di non movimentare la sabbia prima e dopo l’effettuazione dei campionamenti, i lavori dovrebbero concludersi il 24 settembre. 

La sabbia prelevata dal fondale sarà trasportata al largo nell’area di ripascimento naturale sommersa autorizzata dalla Regione, al di fuori della fascia di balneazione. Con l’arrivo della stagione invernale si riprenderà invece la modalità con sabbiodotto. Da marzo di quest’anno sono stati effettuati 3 maxi interventi di cui 2 straordinari: il dragaggio della darsena di levante, del porto dal ponte di viale D’Annunzio al ponte della ferrovia in via Rimini, e un terzo prima della stagione per la stesura delle dune invernali, il livellamento della spiaggia e il ripascimento.

Nel 2021 si è concluso il programma triennale regionale – afferma l’assessore al demanio Andrea Dionigi Palazzi – e come amministrazione ci siamo prontamente adoperati per indire una gara tramite accordo quadro individuando la ditta che svolgesse in continuità i lavori richiesti per usufruire al meglio dell’area portuale. Nel 2020 abbiamo effettuato interventi di dragaggio ordinario in maniera continuativa, dopo la pausa obbligata a febbraio-marzo per procedere tecnicamente all’accordo quadro, siamo quindi intervenuti in vista dell’estate. Adesso siamo di nuovo all’opera per prevenire all’imboccatura del porto eventuali problematiche causate dalla sabbia in eccesso. Tutto questo per dire che teniamo sempre monitorata la situazione del porto grazie anche agli operatori presenti con i quali c’è un contatto e dialogo costante in vista peraltro del progetto del nuovo porto che andrà a riqualificare la cartolina di tutta la zona a terra”.