Indietro
menu
Tra Rimini e Santarcangelo

Insinuazioni su Facebook. Il sindaco Parma attacca Mariotti

In foto: il sindaco Alice Parma
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 18 set 2021 14:00 ~ ultimo agg. 14:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Un commento su Facebook crea uno scontro, tra il politico e l’istituzionale, lungo la via Emilia da Rimini a Santarcangelo.
A rendere noto il commento è il sindaco di Santarcangelo Alice Parma che, in una dichiarazione trasmessa tramite l’ufficio stampa del Comune, dichiara: “La “piazza virtuale” di Facebook, fin troppo spesso, diventa cassa di risonanza per affermazioni che, se pronunciate in qualsiasi altro contesto, sarebbero seguite da una denuncia. Sotto elezioni, com’è facile prevedere, episodi del genere si moltiplicano, ma non per questo sono meno gravi. È il caso di un commento che l’imprenditore riminese Bonfiglio Mariotti – che nemmeno conosco di persona, ma se il buongiorno si vede dal mattino… – ha pubblicato sotto un post del consigliere comunale leghista di Santarcangelo, Gabriele Stanchini, salvo poi cancellarlo frettolosamente”.
Il post incriminato, da screenshot allegato, recita “La commistione di interessi privati e cattiva politica, la giovane sindaca ha imparato presto dai grandi maestri riminesi”. Un post, per il sindaco, “da denuncia in Procura”. 
“Il commento, prudentemente (per Mariotti) è stato poi cancellato, ma il gioco è scoperto in ogni caso – prosegue il sindaco Parma – lo stesso Mariotti che sostiene la persona che per 10 anni è stata vice sindaca di Rimini insinua comportamenti illeciti miei e degli amministratori riminesi, ex colleghi di Giunta della sua candidata”. Poi l’affondo: “Per informazioni, conferme o smentite, non sarebbe più comodo e facile che Mariotti chiedesse alla sua candidata sindaca? O preferisce la sponda dell’opposizione santarcangiolese, ormai avvezza all’insinuazione permanente anche in sedi istituzionali come il Consiglio comunale?”