Indietro
menu
Bollette, consumi e non solo

Federconsumatori: per le famiglie una stangata di 2.212 euro in tre mesi

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 4 set 2021 11:15 ~ ultimo agg. 11:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tra Tari, riscaldamento, bollette, spese mediche e per il rientro a scuola, si preannuncia un autunno difficile per gli italiani: nel periodo tra Settembre e Novembre le famiglie dovranno far fronte a una stangata di 2.212 Euro. Lo rileva, stime alla mano, la Federconsumatori di Rimini.

“Si tratta di cifre estremamente onerose, che vanno a gravare su una situazione già fortemente compromessa dalla pandemia in atto. Anche quest’anno la situazione sanitaria inciderà sulle spese d’autunno, aggiungendo alle consuete voci anche quella per il trasporto da e per la scuola (in molti, infatti, continueranno a rinunciare al trasporto pubblico preferendo ricorrere a mezzi privati); nonché quella per test, esami e prestazioni legate alla pandemia.

A ciò si aggiungono le consuete spese per la TARI, per il riscaldamento, le bollette (soprattutto quelle dell’energia in continua crescita). È vero che queste ultime si pagano tutto l’anno, ma in questo frangente si sommano alle altre onerose spese con un risultato estremamente negativo per le tasche dei cittadini. Occorre precisare che la stangata in questione non comprende le spese correnti per alimentazione, abbigliamento, ecc. settori che, come dimostrano le dinamiche inflattive, sono soggetti comunque ad aumenti.

Secondo Federconsumatori questa analisi mette in luce “come le famiglie si trovino a far fronte, giorno dopo giorno, ad una situazione di crescente difficoltà, a cui non vengono date risposte adeguate. E’ necessario ed urgente che il Governo metta all’ordine del giorno un serio piano di rilancio di buona occupazione ed una riforma fiscale che affermi un sistema più equo, basato su reali elementi di progressività”.