Indietro
venerdì 22 ottobre 2021
menu
Al Galli Elio Germano

Da domenica i biglietti per i primi quattro appuntamenti teatrali

In foto: Elio Germano e Teho Teardo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
ven 24 set 2021 15:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Partirà domenica 26 settembre la prevendita per i primi quattro appuntamenti della nuova stagione di prosa dei Teatri riminesi. A partire dalle ore 10 alla biglietteria del Teatro Galli (apertura straordinaria fino alle ore 13) e collegandosi alla biglietteria on line (biglietteria.comune.rimini.it) sarà possibile acquistare i posti per assistere a Stal Mami Reloaded di Città Teatro in programma al Teatro degli Atti sabato 9 e domenica 10 ottobre, Paradiso XXXIII, creazione originale di e con Elio Germano e Teho Teardo, in scena al Teatro Galli martedì 26 e mercoledì 27 ottobre.   Sempre domenica partirà la prevendita per altri due progetti teatrali ospitati agli Atti: Tell tale di Teatro Patalò (15-16-17 ottobre) e L’istruttoria di Mulino di Amleto Teatro (22-23-24 ottobre). Le prevendite saranno attive online sul canale https://oooh.events per lo spettacolo Tell tale e via email a info@mulinodiamletoteatro.com per L’istruttoria.   

 

La prevendita per i biglietti degli spettacoli in cartellone a novembre e dicembre partirà invece a metà ottobre: una scelta dettata dalla volontà di attendere l’evoluzione del quadro normativo in merito ai limiti di capienza e obblighi di distanziamento degli spazi teatrali.  

 

Il cartellone della prosa della Stagione 2021/2022 si apre quindi al Teatro degli Atti con Città Teatro che riallestisce la commedia Stal Mami di Liliano Faenza (sabato 9 ottobre, ore 21 e domenica 10, ore 16). Ambientata a Rimini negli anni del fascismo, nell’allestimento ideato da Fabio Bruschi e diretto da Davide Schinaia, saliranno sul palco Francesca Airaudo, Elisa Angelini, Mirco Gennari, Francesco Checco Tonti.    Lo spettacolo sarà preceduto da una conversazione con Fabio Bruschi e Piero Meldini, venerdì 8 ottobre alle 17, alla sala del Giudizio del Museo della Città. All’appuntamento dal titolo 1922/2022 Liliano Faenza e il fascismo a Rimini negli anni del consenso interverranno anche Oriana Maroni e Davide Schinaia (ingresso libero con prenotazione obbligatoria su ticketllandia.com).   

 

Si prosegue con Teatro Patalò di Isadora Angelini e Luca Serrani che presenta in prima assoluta Tell tale (venerdì 15, sabato 16 ottobre alle ore 21 e domenica 17 ottobre alle ore 18 alla Sala Pamphili). Un lavoro che indaga la responsabilità dell’artista nel tenersi in equilibrio tra disincanto e canto, tra la capacità di guardare con lucidità alla drammaticità del presente e la forza di contrastare il disastro con la forza evocativa delle parole e del sogno. Presentato in prove aperte al termine delle residenze al Teatro Dimora di Mondaino (2019) e al Teatro Petrella di Longiano (2020), la Compagnia ha inoltre realizzato una versione filmica del lavoro dal titolo Inventare la vita, sviluppata durante lo scorso inverno di chiusura per la pandemia anche negli spazi della Corte degli Agostiniani.  

 

Sempre al Teatro degli Atti Mulino di Amleto Teatro si confronta con il testo di Peter Weiss, L’istruttoria, basato sugli atti del processo ai criminali nazisti di Auschwitz che si tenne a Francoforte tra il 1963 e il 1965. Nel testo non è passata una parola che non sia stata pronunciata nell’aula del tribunale. L’allestimento è diretto da Dirk Ploenissen che ne è anche interprete con un nutrito cast di attori e attrici (venerdì 22, sabato 23 ottobre ore 21 e domenica 24, ore 16). Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con Comune di Rimini e avrebbe dovuto debuttare nel gennaio scorso in occasione del Giorno della Memoria.  

Il cartellone al Teatro Galli sarà inaugurato dParadiso XXXIII, creazione originale di Elio Germano e Teho Teardo,  autori e interpreti di una personalissima rivisitazione della Divina Commedia (martedì 26 e mercoledì 27 ottobre ore 21). Lo spettacolo è una coproduzione speciale nell’anno in cui tutto il mondo celebra i 700 anni dalla morte del sommo poeta che vede il Teatro Galli accanto al Ravenna Festival, Infinito Produzioni, Fondazione Teatro della Toscana, Teatro Franco Parenti, Teatro Abbado di Ferrara. Ogni parola del testo è accompagnata a sua volta dalle immagini e dagli effetti speciali di Simone Ferrari e Lulu Helbæk. 

Informazioni per gli spettatori  

La biglietteria del Teatro Galli è aperta da martedì a sabato dalle ore 10 alle 14; martedì e giovedì anche dalle ore 15 alle 17.30. Chiuso lunedì e domenica (salvo nei giorni di spettacolo) e nelle principali festività. Nei giorni di spettacolo con inizio alle ore 21 la biglietteria sarà aperta dalle ore 19.30 alle ore 20.30; dalle ore 14.30 alle 15.30 per quelli con inizio alle ore 16. Tel. 0541 793811, biglietteriateatro@comune.rimini.it 

Su biglietteria.comune.rimini.it è possibile acquistare i biglietti pagandoli tramite carta di credito, Paypal, Satispay. Acquistando online non sarà necessario ritirare il biglietto al botteghino, ma sarà sufficiente esibire il titolo di accesso ricevuto su smartphone al momento dell’ingresso in sala.  

Il Teatro Galli riserva sui palchi i posti per gruppi di congiunti da due, tre o quattro persone. Questi biglietti sono acquistabili solo al botteghino o prenotabili telefonicamente allo 0541 793811, con presentazione di autocertificazione scaricabile dal sito del teatro.   

voucher emessi per gli spettacoli annullati causa Covid-19 possono essere spesi sia online sia al botteghino per l’acquisto di spettacoli con lo stesso organizzatore (Comune di Rimini, Associazione Teatrale Emilia Romagna o Inscena s.r.l.). 

Altre notizie
Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.