Indietro
menu
Oggi nuovo incidente

Cecchetti (lista Erbetta): vie Montecieco e S. Cristina molto pericolose

In foto: incidente nella zona delle vie Montecieco, S. Cristina
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 29 set 2021 15:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Stefania Cecchetti, candidata come consigliere comunale nella lista Erbetta Sindaco, denuncia la pericolosità di alcune strade del comune di Rimini come esempio di “periferie abbandonate“. “Sono anni – scrive – che come residente delle vie Montecieco, S. Cristina e zone limitrofe, denuncio all’amministrazione comunale l’elevata pericolosità di queste vie. Si tratta di percorsi caratterizzati da un traffico elevato in quanto strategiche vie di collegamento tra Santarcangelo di Romagna – Rimini e San Marino percorse, troppo frequentemente, ad una velocità non consona alle dimensioni della carreggiata ed alla scarsa visibilità. Troppo spesso assistiamo a gravissimi incidenti stradali dovuti all’imprudenza di chi si trova alla guida e rappresenta un pericolo alla propria vita e a quella degli altri. Anche uscire dai propri passi carrai è pericoloso a causa dell’alta velocità di chi sopraggiunge“. Nel 2018 gli abitanti della zona avevano firmato una petizione e incontrato assessori e dirigenti con “promesse – dice la candidata – mai concretizzate. L’unico intervento attuato consiste nell’installazione di due dossi artificiali in corrispondenza dell’ingresso della scuola dell’infanzia e della scuola elementare in via  Montecieco”. “La rabbia dei residenti – continua continua Stefania Cecchetti – è accresciuta dal sentirsi abbandonati da un’amministrazione comunale che ha completamente dimenticato le periferie e la sicurezza di chi ci vive e rimane sorda alle richieste che vengono avanzate. Questa mattina l’ennesimo grave incidente del quale, per fortuna, siamo stati solo spettatori. Riteniamo che il Comune debba farsi carico delle istanze sollevate dai residenti a attuare interventi volti a garantire la sicurezza e l’integrità della salute di chi, quelle strade, le percorre ogni giorno e di chi ci vive”.
E’ prioritario riportare l’attenzione sulle periferie, e situazioni come quelle denunciate dai residenti di questa zona devono essere prese in carico dall’amministrazione al più presto prima che si verifichi l’ennesimo incidente mortale. Oggi abbiamo sfiorato la tragedia con due auto, una finita nel fosso e l’altra cappottata sull’asfalto. Non possiamo aspettare il morto per capire che bisogna trovare una soluzione alla viabilità di queste vie e al più presto” conclude Stefania Cecchetti.

Notizie correlate