Indietro
menu
"Giovani dimenticati"

Bambini e ragazzi. Zoccarato (Lega): approccio sbagliato, ecco le nostre proposte

In foto: Matteo Zoccarato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 27 set 2021 16:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Prendendo spunto da una recente ricerca de Il Sole – 24 ore che vede la provincia di Rimini al 91esimo posto per il benessere dei bambini e al 97esimo per la qualità della vita dei giovani tra i 18 e i 35 anni, il candidato della Lega Matteo Zoccarato parla di “fallimenti decennali della giunta Gnassi-Lisi-Sadegholvaad. Fallimenti nascosti dalla propaganda. Da una parte abbiamo trionfali dichiarazioni, dall’altra numeri e dati smentiscono i proclami“.
Zoccararo, che punta al bis in consiglio comunale, evidenzia come il resto della Romagna occupi invece le prime posizioni e sottolinea “una serie di profondi problemi come la mancanza di scuole con palestre e piscine, le alte rette degli asili, il basso numero di laureati. La Lega da sempre si batte per i giovani, troppo spesso dimenticati dalle politiche nazionali e locali”.
Il consigliere uscente mette sul piatto poi le proposte della coalizione di centrodestra che sostiene Enzo Ceccarelli. “Tra i punti qualificanti – spiega – un sistema integrato e paritetico della scuola di infanzia del Comune, costituto da realtà pubbliche e private, pensato in modo che per le famiglie i costi siano i medesimi. Inoltre sarà incrementato il fondo al sostegno per studenti disabili nelle scuole secondarie paritarie. Ma soprattutto è necessario un forte sostegno alla natalità: una città senza figli è destinata al declino.
Nel settore sportivo, che in città mostra grandi carenze, l’idea è quella di una Fondazione per lo sport, con fondi pubblici e privati, per ridare centralità ad un settore fondamentale per lo sviluppo dei giovani.”
Un tema fondamentale per Rimini – continua Zoccarato – è anche quello dell’’istruzione dove si deve puntare su un sistema di formazione professionale e su un’università che si fondino sul principio di sussidiarietà e siano legate al territorio. La scuola, la formazione professionale e l’università devono preparare i giovani a inserirsi come agenti attivi nel mondo del lavoro e nella nostra società. In questo senso è fondamentale un rapporto costante e più stretto tra il sistema della formazione scolastica, professionale e universitaria e l’universo socio-economico di cui esso è parte fondamentale. Sarà fondamentale l’apporto che la nostra amministrazione darà alla nascita di Istituti Tecnici Superiori che stanno rappresentando un’eccezionale opportunità di formazione e di occupazione per i nostri giovani“.
Tra le nostre proposte – conclude Matteo Zoccarato – quella di coordinare e incrementare il sistema di formazione tecnico-professionale, al fine di incrementare l’occupazione giovanile e fornire al mondo delle imprese giovani in grado di assumersi responsabilità e con competenze aggiornate ed innovative. Saranno rafforzate e implementate le esperienze che puntano alla creazione di un “incubatore” certificato per startup innovative al fine di attrarre capitali pubblici e privati“.