Indietro
menu
Verso il voto

Adinolfi a Rimini per presentare il suo libro e sostenere Ceccarelli

In foto: Enzo Ceccarelli e il capolista PdF De Vita
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 26 set 2021 17:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sabato sera Mario Adinolfi è arrivato a Rimini per presentare il suo ultimo libro, “Il grido dei penultimi”, e sostenere il centrodestra in vista delle amministrative. Con lui, Sergio De Vita, organizzatore dell’evento e candidato al consiglio Comunale per il Popolo della Famiglia e il candidato sindaco Enzo Ceccarelli. “La politica sbaglia quando si riduce a programmi, a croci su simboli, preferenze su una scheda elettorale, senza riconoscere l’umanità degli elettori. Deve incontrare e ascoltare la voce dei cittadini, dare voce a chi non ne ha, perseguire la giustizia, restituire loro la dignità sociale e la possibilità di vivere bene” ha dichiarato. “Ho trovato nel Popolo della Famiglia grande sintonia: abbiamo la stessa moderazione, visione e grande passione nel voler dare ai riminesi risposte concrete ai loro bisogni” ha detto Ceccarelli -. “Abbiamo immediatamente aperto un dialogo, condividendo i tanti punti del programma”. “Nell’attuale panorama politico – ha commentato De Vita – manca chi intende farsi carico di un’opzione altra di cui il panorama culturale e politico ha senz’altro bisogno: i penultimi esistono, il ceto popolare esiste, quei bisogni hanno necessità di risposta, non foss’altro quella prima forma di risposta che è l’ascolto, come propone il libro di Adinolfi. I penultimi altri non sono che i milioni di italiani in difficoltà ora più che mai a causa della crisi economica e sociale che il Covid ha provocato. Cittadini soli, ancora più poveri e abbandonati di cui nessuno raccoglie la richiesta d’aiuto.” Il Grido dei Penultimi è nato durante il lockdown da una conversazione pubblica su Facebook con il cardinale arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi e raccoglie storie, interviste, racconti dell’Italia post-Covid. Chiude una trilogia aperta sette anni fa con Voglio la mamma, a cui fece seguito l’OCOM Tour.

Notizie correlate