Indietro
menu
Rimini verso il voto

Turismo. Bellini (centrosinistra): creare nuovi spazi e servizi per innovare filiera

In foto: Chiara Bellini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 26 ago 2021 14:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una stagione che, dopo i timori iniziali, sembra volgere verso il positivo è lo spunto per la candidata vicesindaca del centrosinistra a Rimini, Chiara Bellini, per lanciare alcune proposte per migliorare e innovare la filiera turistica.

La stagione turistica ha segnato un andamento nettamente migliore dell’anno scorso – scrive Bellini –, e il mese di agosto ormai in chiusura conferma e amplia il dato già positivo. Hanno scelto la nostra città famiglie e giovani, anche dall’estero: francesi, svizzeri e tedeschi in particolare. L’andamento positivo deve indurci a spingere ulteriormente sull’innovazione della nostra filiera turistica e a far sì che l’Amministrazione Comunale sia ancora più a servizio della sua evoluzione. In alcune zone turistiche del nostro territorio, soprattutto nella zona sud, il rinnovo dell’offerta passa dalla creazione di nuovi spazi e servizi che diano nuove opportunità alle aspirazioni dei nostri ospiti. Ristoranti collettivi, centri benessere di area, parcheggi multipiano, spazi verdi: sono solo alcune delle suggestioni che nell’agenda della riqualificazione turistica può vedere coinvolti l’intraprendenza imprenditoriale e il Comune.”

C’è un grande patrimonio di strutture ricettive chiuse o fuori mercato da riconvertire – prosegue –, risorse inespresse che impoveriscono il sistema turistico. Il primo passo dovrebbe essere la mappatura: l’analisi del patrimonio turistico inespresso è il primo passo per aprire gli spazi a nuove opportunità per la nostra filiera. Il secondo passo è offrire nuove opportunità per chi vuole sbloccare questo patrimonio, senza passare al residenziale ma dando nuova linfa al turismo. Dal canto suo il pubblico può generare nuovi percorsi con permute in aree meno congestionate, estensioni dell’ecobonus e del sismabonus anche agli alberghi e sollecitare linee di credito, garantite dalla Cassa Depositi e Prestiti, per le strutture ricettive“.

Ultimo aspetto messo in risalto dalla candidata Bellini “il recepimento Condhotel come opportunità di riqualificazione anche delle colonie: una legge dello Stato, già recepita dalla Regione Emilia Romagna, che deve entrare anche negli strumenti urbanisti del Comune. L’uso dello strumento del Condhotel dovrà essere chiaro, affinché non si presti a operazioni speculative. Per evitare inutili equivoci il Condhotel può essere realizzato in unica struttura o al massimo in due strutture ricettive confinanti“.

Notizie correlate