Indietro
menu
Appello alle istituzioni

Tragedia umanitaria in Afghanistan. Gnassi: 'Rimini pronta a fare la sua parte'

In foto: dal twitter Defense One
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 17 ago 2021 16:48 ~ ultimo agg. 18 ago 09:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Di fronte alle drammatiche immagini di persone che cercano di fuggire in tutti i modi dall’Afghanista, non ci si può voltare dall’altra parte. Lo afferma il primo cittadino di Rimini Andrea Gnassi in un post su Facebook, assicurando che Rimini è pronta a fare la propria parte insieme ad altri comuni italiani.

“Rimini, città libera, democratica, medaglia d’oro al valor civile – scrive Gnassi – è disposta a fare la propria parte, con e insieme agli altri comuni italiani, di fronte alla tragedia umanitaria che si sta consumando in Afganistan. Voltarsi dall’altra parte, ora, sarebbe il modo peggiore di valorizzare la nostra storia, chi siamo e chi saremo.
‘Verranno a uccidermi, ma non ho paura’. Questo grido, così lucido e tremendo, è di Zarifa Ghafari, la sindaca più giovane dell’Afghanistan A lei, al popolo afgano, vogliamo far sentire la nostra vicinanza e chiediamo l’impegno di tutte le istituzioni internazionali e nazionali perché non avvengano massacri, vendette, tragedie, sangue e dolore versati.