Indietro
menu
Elezioni Rimini

Sadegholvaad: social housing sarà una priorità

In foto: Jamil Sadegholvaad
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 5 ago 2021 19:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Social Housing sarà una priorità del mandato secondo il candidato sindaco del centrosinistra Jamil Sadegholvaad.

Gli effetti della pandemia sul tessuto socioeconomico nazionale e locale – spiega – non scompariranno anche quando l’ultimo italiano sarà (finalmente) vaccinato. Le diverse fasi di lockdown, le incertezze, hanno già prodotto mutamenti nella vita delle comunità e nei comportamenti individuali. C’è una fascia di popolazione sempre più vicina alla criticità sociale, con una crescente difficoltà a progettare un qualsiasi futuro. Il tema casa è uno dei principali campanelli d’allarme che suonano insistentemente da oltre un anno e mezzo. E questo discorso non si esaurisce con la sola questione sfratti, vera e propria emergenza oggi in Italia. Il Paese, le città, hanno bisogno di rimettere al centro del loro rilancio e del loro sviluppo il tema abitativo a forte trazione pubblica. Nel programma che stiamo costruendo con il tavolo della coalizione che riunisce forze politiche e civiche che si riconoscono nella visione di una città moderna, europea, libera e inclusiva, quello del cosiddetto ‘social housing’ assume una rilevanza centrale.”

Sadegholvaad sintetizza poi l’attività prevista per i prossimi 5 anni, in caso di vittoria: “piano comunale della Casa, con l’obiettivo di incrementare sensibilmente il patrimonio pubblico da mettere a disposizione di giovani coppie, anziani, soggetti diversamente abili, famiglie economicamente disagiate, famiglie mononucleo.
E’ un programma da raggiungere con diverse azioni: l’edilizia popolare, ad esempio, deve diventare un asset strategico anche per la rigenerazione urbana di alcune aree degradate o sottoutilizzate. Penso a nuovi quartieri, sul modello di quelli scandinavi, moderni, autosufficienti dal punto di vista dell’energia, avamposti in regione per la condivisione dell’energia prodotta (comunità energetiche), con scuole, servizi, trasporto pubblica, perfettamente integrati nel tessuto della società. L’edilizia popolare deve essere inserita come elemento fondamentale di queste nuove parti di città rigenerata e riqualificata. Area di via Roma (36 nuovi appartamenti Ers e Erp), ex Mercato Ortofrutticolo (oltre 50 nuovi alloggi per giovani, giovani coppie, famiglie monogenitoriali) e anche area Ghigi sulla Superstrada potrebbero essere aree strategiche in cui rigenerazione, comunità energetiche, e espansione del patrimonio edilizio pubblico convergono nella stessa direzione“.

Credo opportuno – prosegue – anche prevedere come una quota importante degli oneri di urbanizzazione, incassata dal Comune di Rimini, sia vincolata alla realizzazione o al reperimento sul mercato o alla garanzia di Edilizia residenziale sociale (Ers). Il Comune di Rimini interverrà, utilizzando la misura straordinaria del superbonus 110 per cento e investendo oltre 30 milioni di euro, per l’efficientamento e l’adeguamento alle nuove misure di sicurezza (sismica, cappotti termici etc) degli alloggi Erp. Su questo fronte, più in generale, occorre fare un grande lavoro. Io credo che una componente essenziale per lo sviluppo futuro di Rimini sia l’ulteriore innalzamento della qualità di vita nei luoghi dove le persone stanno. Abbiamo bisogno di spazi belli, ambientalmente avanzati, connessi e integrati con l’intero tessuto cittadino, ricchi di servizi, in cui le famiglie tornino a progettare il loro futuro con tranquillità” conclude il candidato sindaco.