Indietro
menu
Cronaca Rimini

La Notte Rosa dei Carabinieri: due arresti e quattro denunce a Rimini

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 1 ago 2021 12:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Due persone arrestate e quattro denunciate nei controlli dei carabinieri della Compagnia di Rimini nel corso del weekend della Notte Rosa. A finire in manette venerdì notte un 26enne albanese, domiciliato a Rimini, sorpreso a spacciare cocaina nella zona di Miramare. I militari lo hanno individuato mentre vendeva quattro dosi a due tossicodipendenti del luogo in cambio di 70 euro a dose. La successiva perquisizione personale e domiciliare ha permesso sequestrare altri 20 grammi di cocaina e oltre 7.500 euro proventi dello spaccio. I due acquirenti sono stati invece segnalati alla locale Prefettura per uso stupefacenti. L’arrestato è stato condannato alla pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione e all’ammenda di euro 2.666,66, con il beneficio della pena sospesa. Sempre nella stessa notte è finito in manette anche un 36enne di origine marocchina bloccato nella spiaggia antistante piazzale Fellini. L’uomo, approfittando dell’oscurità, dopo essersi cosparso di sabbia per mimetizzarsi, aveva rubato la borsa con denaro, documenti e cellulare di una turista 21enne di Cesena che l’aveva momentaneamente appoggiata sul lettino mentre chiacchierava con alcune amiche. In attesa del processo, l’uomo è stato accompagnato al Carcere di Rimini.

Un altro furto sotto l’ombrellone, questa volta nel pomeriggio di sabato, è costato una denuncia ad un 22enne tunisino bloccato dai militari sul lungomare Tintori dopo aver rubato la borsa di una turista torinese al bagno 24. L’uomo era in possesso di altri sei telefoni cellulari che erano stati rubati poco prima negli stabilimenti balneari circostanti. Per lui, una denuncia per furto aggravato e ricettazione. La refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari. Il reato di ricettazione è costato la denuncia anche ad un 26enne tunisino sorpreso in viale Regina Elena con un telefono cellulare rubato poche ore prima ad un turista di Bologna. La vittima attraverso l’applicazione specifica per il rintraccio del telefono aveva fornito indicazioni precise ai militari.
Un 42enne della provincia di Salerno è stato invece fermato venerdì dopo aver asportato con destrezza il portafoglio di un turista della provincia di Macerata lungo la passeggiata di viale Regina Elena. L’ultima denuncia è infine a carico di un 34enne tunisino sorpreso a spacciare 0,5 grammi di hashish sul Lungomare Tintori ad un turista della provincia di Firenze. L’acquirente è stato a sua volta segnalato alla Prefettura.

Notizie correlate
di Redazione