Indietro
menu
riccione vacanza sicura

Gruppi di minoranza chiedono consiglio comunale urgente sulla sicurezza

In foto: l'aula del Consiglio Comunale
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
mar 31 ago 2021 13:41 ~ ultimo agg. 17:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In riferimento alla grave situazione dell’ordine pubblico e della sicurezza nella città di Riccione (leggi notizia), i gruppi consiliari di minoranza hanno inoltrato in mattinata formale richiesta al presidente del consiglio comunale per la convocazione di un consiglio comunale aperto urgente sul tema sicurezza. Riccione vuole difendere la sua immagine di luogo di vacanza sicura.

Un consiglio comunale aperto alla città e a tutte le sue rappresentanze – si legge nella nota firmata dai gruppi di minoranza – in cui si possa sviluppare un dibattito finalizzato a mettere in campo ogni azione preventiva utile a garantire che l’estate prossima non si ripetano i gravi e continuativi fatti occorsi nella stagione attuale e allo scopo di mettere in campo ogni azione promozionale che possa trasferire il messaggio “Riccione vacanza sicura”. E’ stata inoltrata una proposta di ordine del giorno che vorremmo condividere con la città intera affinché possa essere integrata con le proposte e suggerimenti della nostra comunità.
Certi che che il tema della sicurezza non sia solo un onere in capo alle istituzioni e che le azioni dell’amministrazione Tosi non sono risultate adeguate ad affrontare questa emergenza, vorremmo coinvolgere tutti i cittadini affinché gli episodi criminosi che hanno messo sotto scacco la nostra città non si ripetano più”.

I gruppi di minoranza del Comune di Riccione: Partito Democratico, Movimento 5 stelle, Gruppo Misto.

La nota integrale: 

RICHIESTA CONVOCAZIONE IN VIA D’URGENZA DI CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI
DELL’ART.63 comma 2 DEL REGOLAMENTO COMUNALE E RELATIVI PUNTI
ALL’ORDINE DEL GIORNO

I gruppi di minoranza del Comune di Riccione, Partito Democratico, Movimento 5 stelle, Gruppo Misto in
persona dei capigruppo espongono quanto segue.

PREMESSO CHE

– Durante la stagione turistica 2021 ormai prossima alla fine, Riccione è stata scenario di molteplici
reati come furti, rapine, scippi, risse, danneggiamenti, disturbo della quiete pubblica ecc.; fattispecie
queste che si sono ripetute con particolare, preoccupante e inedita frequenza, soprattutto nelle zone
centrali più turistiche, ma anche in quelle più periferiche della città;
– Detti accadimenti, di carattere vandalico e predatorio, hanno arrecato incontrovertibilmente grande
disagio, non solo agli ospiti della nostra città, ma anche ai nostri concittadini tutti, operatori
economici e non, i quali, quando non sono stati colpiti nella loro incolumità psico-fisica nei casi in cui
sono stati vittime di minacce commesse ai loro danni persino con armi bianche, lo sono stati nei beni
di loro proprietà, come automobili, ciclomotori, vetrine dei negozi, infrastrutture balneari, sui quali la
furia distruttiva delle cosiddette baby gang si è abbattuta;
– Detti reati hanno colpito anche beni pubblici, come strade, spiagge, arredi urbani ed hanno inciso
negativamente non solo sull’immagine della nostra città, ma altresì sul decoro urbano, essendo stati
alcuni viali cittadini letteralmente presi d’assalto da orde di ragazzini urlanti, che si davano a
bivacchi, assembramenti, danneggiamenti notturni, tanto che alcuni esercenti di detti viali sono stati
costretti a chiudere anzitempo le loro attività commerciali per non vedersi aggrediti all’interno delle
loro attività come accaduto in qualche caso;
– Gli autori dei predetti reati sono stati per lo più minorenni, richiamati in zona e incitati a commettere
detti illeciti da comunicati social e catene di richiamo sui detti network, sui quali peraltro gli stessi
hanno provveduto a postare le loro bravate azioni delinquenziali come fossero un trofeo;
– Il fenomeno ha interessato, per la sua gravità, la stampa locale e nazionale, le emittenti televisive e
appunto i social, che ovviamente non hanno contribuito, diffondendo la notizia, a fare una buona
pubblicità alla nostra Riccione; circostanza gravissima se si tiene conto che la nostra città, attraverso
la promozione della propria immagine, vede nel settore e nell’indotto turistico la fonte pressoché
unica del proprio sviluppo economico;
– Le vicende dell’estate scorsa hanno alimentato la paura nei turisti e nei cittadini, generando un
sentimento di insicurezza che potrebbe avere impatti devastanti sulla scelta di Riccione come luogo
di vacanza per la prossima estate;
– L’impegno profuso dalle forze dell’ordine non è bastato a contenere il dilagare di detti episodi di
criminalità confermando ancora una volta che per le località turistiche la dinamica della richiesta dei
rinforzi estivi non è più in grado di soddisfare le esigenze delle città turistiche;
– Il corpo di Polizia Municipale, pur nella consapevolezza che non si tratti di forza dell’ordine, è
risultato sottodimensionato e indirizzato verso attività meno prioritarie rispetto alla grave situazione
in cui la città si è trovata durante l’estate: non avevano turni notturni, né dotazioni tecnologiche che
potessero consentire la tutela dei cittadini e dei turisti e di loro stessi, ne’ erano in numero tale da
poter garantire la presenza e il presidio del territorio. Per questo motivo alcuni comitati turistici hanno
provveduto a loro spese ad assumere dei civis privati che svolgessero il ruolo di sentinella
convocando le forze dell’odine in caso di disordini;
– Il fenomeno della criminalità giovanile era stato previsto già a primavera, tuttavia le misure adottate
dall’amministrazione non sono affatto risultate sufficienti, come dimostrano i fatti accaduti e elencati;

– La situazione se anche pare essere nella sua fase terminale, a causa della fine della stagione
turistica in corso e dell’inizio delle scuole, rischia di ripresentarsi il prossimo anno, con grave e
verosimilmente irrimediabile pregiudizio per l’immagine, gli introiti e il benessere della nostra città;
– Sono pertanto necessari dei provvedimenti urgenti che consentano di prevenire, contenere,
affrontare, risolvere detto problema in futuro, da attuarsi sin da ora, unitamente ad una azione
promozionale che rinforzi il concetto di vacanza sicura a Riccione, fortemente danneggiato dalla
stagione appena trascorsa.
Per tutto quanto sopra premesso, i gruppi di minoranza chiedono di convocare in via d'urgenza un
consiglio comunale aperto alla città a cui siano invitati i cittadini, le categorie economiche, i comitati
turistici, l’associazionismo culturale sociale e sportivo riccionese da organizzare con dibattito pubblico ed
in presenza che abbia ad oggetto:
1. Istituzione di un tavolo permanente cittadino sulla sicurezza, composto da un
rappresentante di ogni categoria economica, comitato turistico, associazionismo culturale
sportivo e sociale, rappresentanti delle forze dell’ordine, sindaco, capigruppo in consiglio
comunale e assessori competenti, che consenta di analizzare la genesi del fenomeno,
studiare, prevedere e prevenire, il problema legato alla criminalità giovanile e non, al fine di
scongiurare che si ripeta nelle prossime stagioni turistiche e/o in concomitanza di eventi di
richiamo, e in cui si definiscano tempestivamente strategie preventive e difensive della
pubblica sicurezza, dell’incolumità dei cittadini, turisti ed esercenti, condividendo altresì di
concerto con gli imprenditori che si occupano dell’organizzazione di eventi pubblici o privati, la
programmazione e la calendarizzazione di detti eventi; individuando le necessità di incremento
e rinforzo delle azioni di presidio del territorio.
2. Incremento e rinforzo del personale del corpo di Polizia Municipale e delle risorse
economiche a ciò destinate, per il periodo di maggior affluenza turistica decorrente da
Pasqua fino a fine settembre;
3. Costituzione di una sezione all’interno della Polizia Municipale specializzata in presidio
sul territorio, che venga munita di idonea e specifica strumentazione e della formazione
necessaria.
4. Formazione di un corpo all’interno della Polizia Municipale atto al controllo
amministrativo delle presenze consentite negli appartamenti ad uso turistico e nelle
strutture ricettive in base alla loro metratura e capienza;
5. Sottoscrizione di un protocollo con Trenitalia e le forze dell’ordine che agiscono in ambito
ferroviario per il monitoraggio dei movimenti e dei flussi verso la nostra città
6. Sottoscrizione di un protocollo con le forze dell’ordine preposte (polizia postale e delle
comunicazioni) per il controllo e il monitoraggio dei social, circa eventuali pericoli o minacce
realizzabili ai danni della sicurezza pubblica attraverso l’uso degli strumenti di comunicazione.
7. Svolta totale nella programmazione e nella realizzazione degli eventi turistici e culturali
che porti a:
a. Alzare il livello qualitativo dallo spettacolo alla cultura
b. Articolazione rivolta a tutte le fasce turistiche, generazionali e sociali
c. Meno allestimenti e più eventi di impatto promozionale: Riccione di nuovo leader nazionale
per tendenze e fascinazione

Si Invita il Presidente del Consiglio Comunale ad estendere l’invito alla Prefettura, alla Questura e alle Forze dell’ordine cittadine
Per il Partito Democratico
Sabrina Vescovi, Christian Andruccioli; Simone Gobbi, Marina Gambetti, Simone Imola
Per il Movimento 5S
Eleonora Ruggeri
Per il Gruppo misto
Carlo Conti, Andrea Del Bianco, Fabio Ubaldi

 

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO