Indietro
menu
Stare insieme nel rispetto

Ferragosto, il messaggio di Gnassi: grazie a chi lavora dietro al sorriso e al 'sogno'

In foto: il sindaco Gnassi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 14 ago 2021 13:02 ~ ultimo agg. 13:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Nel suo ultimo messaggio da sindaco di Rimini per Ferragosto, che come di consueto sarà diffuso domenica sulle spiagge di Rimini tramite la Publiphono, Andrea Gnassi parla della bellezza del poter stare insieme in spiaggia, uno stare insieme che però parte dal rispetto degli altri. Parla della città che continua a cambiare, del “sogno chiamato Rimini” e ringrazia chi rende possibile il “sogno” e il “sorriso leggero” di Rimini.

Il messaggio del sindaco Gnassi:
Ciao a tutti, benvenuti a Rimini e… state comodi.
Certo che abbiamo vissuto tempi duri. Non ancora finiti. Ma benvenuti, benvenuti a Rimini. Con il sorriso, con la leggerezza, con la voglia di trascorrere insieme un Ferragosto speciale. Una pausa, una sospensione, un momento di meritata vacanza.
Rimini ha scelto di vivere l’estate con gioia, allegria, normalità, con il suo carattere. Oggi l’impresa eccezionale è essere sé stessi. Non dimentichiamo i molti mesi che abbiamo alle spalle, ma non per questo possiamo permettere che ci travolga il pessimismo. Adesso, più che mai, abbiamo bisogno di ritrovare la dimensione giocosa e divertita dello stare insieme. Di stare insieme ne abbiamo bisogno come l’aria. Vanno bene i social, le call, i cellulari. Ma stare insieme in spiaggia, nelle piazze è un bene puro. Indispensabile. E stare insieme vuol dire rispettare chi si ha vicino, facendo in modo che libertà non significhi solo ‘quello che pare a me’. L’estate a Rimini dimostra che qui si può. Si può fare. Al mare, in spiaggia, in centro, nei musei della tradizione e in quelli nuovi, nei borghi del nostro entroterra possiamo andare, entrare, godere pienamente della bellezza, del divertimento, della spensieratezza che, qui a Rimini, non sarà mai un ricordo ma un eterno presente. Ma questa situazione, questo sorriso leggero di cui non possiamo fare a meno, non è figlio del caso o della fortuna.
Decine di migliaia di donne, uomini, ragazzi, adulti, lavorano senza sosta da mesi per offrire servizi e opportunità belle, sicure, rispettose di ogni persona. E anche questo è un piccolo miracolo, un piccolo grande miracolo italiano, perché se sorridere, se la cultura dell’ospitalità è da sempre nel cuore dei riminesi, è vero che dietro quel sorriso e quella cultura ci sono fatica, lavoro, sacrifici, ingegno. Viviamo l’oggi, e l’oggi è ferragosto, in presenza e non da remoto. Qui in presenza,  pensando già al domani, che si chiami autunno, Capodanno, la prossima primavera, tutte le prossime estati della nostra vita. Non ci siamo mai fermati e non ci fermeremo. Rimini, come è cambiata, sta cambiando. Ma non cambieremo mai il sorriso per chi viene qui. Per lavoro o per vacanza. Noi siamo Rimini e lo siamo nell’abbraccio di cuore con gli altri. Il ringraziamento oggi va a tutti voi che siete a Rimini. E a tutte le persone che con il loro lavoro consentono ogni giorno tutto questo. Il sogno chiamato Rimini.

Buon ferragosto, allora e…state comodi, state leggeri. Con un sorriso. A Rimini. Divertendovi, rispettando gli altri. In piena sicurezza.