Indietro
menu
Le immagini

Anche Bonaccini al taglio del nastro "hawaiano" del parco del mare Nord

In foto: Bonaccini e Gnassi inaugurano il parco del mare nord
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 7 ago 2021 14:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una festa in stile hawaiano per inaugurare i sei chilometri del Parco del Mare nord. Un appuntamento organizzato dai comitati turistici con la collaborazione del Comune di Rimini a cui ha partecipato anche il presidente della Regione Stefano Bonaccini insieme al sindaco Gnassi e a buona parte della Giunta.

Prima di tutto grazie – ha detto il sindaco Andrea GnassiGrazie alla città che ha creduto e crede nel cambiamento, grazie alla Regione che ci ha accompagnato in questo percorso. Grazie al lavoro dei tanti, degli operai, degli artigiani, dei tecnici, che hanno creduto in questa fatica. Sotto questo nuovo lungomare c’è l’opera di risanamento idrico fognaria più importante che il nostro Paese abbia fatto, ci sono acque pulite. E sopra oggi c’è verde, ci sono piazze, spazi di incontro. Prima l’avevamo sognato, poi l’abbiamo detto e adesso l’abbiamo fatto”. “Abbiamo bisogno di piazze, di relazioni, di sentirci insieme, di sentirci comunità – ha proseguito il sindaco – Rimini è una grande comunità italiana, che da sempre apre le sue porte e il suo cuore agli ospiti italiani e stranieri, per regalare leggerezza e un sorriso. Grazie quindi per aver creduto in un viaggio di cambiamento della città, che ancora non è finito. Rimini non è perfetta, ma è in cammino”. Ai ringraziamenti si è unito anche il presidente Bonaccini, che ha sottolineato l’impegno e il lavoro del Comune, delle imprese e degli operatori turistici e dei commercianti e ha rimarcato come la città stia cambiando in meglio, “grazie agli investimenti sulla cultura, per la vivibilità, per una Rimini sempre più a misura di persona“.

I dettagli dell’intervento

Il Parco del mare nord è l’intervento di rigenerazione urbana che ha rivoluzionato il waterfront da Rivabella a Torre Pedrera: oltre 6 km di lungomare riqualificato, 90.000 mq di aree pubbliche interessate, 5 km di nuove piste ciclabili, 80.000 mq di aree pedonalizzate, 10.000 di aree verdi, 700 alberi in più e 41.500 mq d’asfalto in meno, 30 salotti urbani. Per il Parco del Mare nord si parla complessivamente di 30 milioni d’investimento, che ha incrociato l’altro grande progetto di riqualificazione ambientale in corso di realizzazione, il Psbo, che in questo ambito territoriale ha visto investimenti pari a 25 milioni di euro e che ha già consentito di trasformare cinque delle sette fosse consortili (Sacramora, Turchetta, Pedrera Grande, Matrice, Sortie) a fosse di sole acque bianche.