Indietro
menu
Per la cassazione non è reato

I campanellari a conduzione familiare. Nuove sanzioni, ma le leggi non aiutano

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 22 lug 2021 14:28 ~ ultimo agg. 23 lug 09:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
C’erano le mamme che fingevano la puntata, i papà abili nel destreggiare le tre campanelle e tre ragazzine sveglie di circa 15 anni – presumibilmente le figlie – intorno al tavolino rudimentale fatto di cartoni, che formavano una delle cosiddette ‘batterie di campanellari’ o ‘ pallinari’. Tutti, fingendo di non conoscersi, erano intenti a mettere in scena il teatrino del gioco/truffa delle tre palline. Quando ieri sera su viale Vespucci le due presunte famiglie, provenienti dall’est Europa, hanno capito che erano sotto il controllo degli agenti in borghese, si sono allontanate insieme alle ragazzine, facendo perdere le proprie tracce fra la folla. Un sospetto – quello che si trattasse di due famiglie – confermato anche più tardi, quando sono stati rivisti insieme in un locale, probabilmente in attesa di riposizionarsi e riproporre la loro illecita attività. Ben vestiti, tutti giovani con l’abbigliamento e il modo di fare da turisti, per confondersi completamente e riuscire meglio ad ingannare i potenziali clienti. Il racconto della Polizia Locale di Rimini testimonia di come diventino sempre più insospettabili e si affinino le tecniche usate da si ingegna per invogliare i turisti a fare la puntata decisiva per poi sparire nel nulla.
Quello di ieri sera era solo l’ultimo di una serie già lunga di controlli: in circa 20 servizi serali, dedicati esclusivamente a questo tipo di contrasto, sono state verbalizzate oltre 100 sanzioni da 1000 euro ciascuna, come prevede l’art. 3 del Regolamento dio Polizia Urbana che punisce chi “organizza, in luogo pubblico o aperto al pubblico, il gioco di abilità cosiddetto delle tre campanelle o delle tre carte o simili”.
Una procedura amministrativa che non riesce però a punire seriamente questo comportamento illecito – ricorda l’Amministrazione Comunale – in quanto una sentenza della Cassazione ha stabilito che il gioco delle tre campanelle, non è da considerarsi come un reato, perché definito “gioco di abilità”. Il fatto che i giudici non abbiano riconosciuto in questo tipo di attività la forma del raggiro o della truffa – ai danni di chi accetta di partecipare – pone la questione su un piano che dal punto di vista del contrasto è più difficoltoso da gestire e arginare. Una difficoltà a cui si aggiunge anche l’impossibilità del sequestro del denaro proveniente dall’illecito. Se non trovato sul tavolino – di solito è intascato velocemente poco prima del fermo – non può essere posto sotto sequestro.

“Oltre alla sanzione amministrativa prevista dal Regolamento di Polizia Urbana – precisa Jamil Sadegholvaad, Assessore alla Sicurezza – con la preziosa collaborazione della Questura, stiamo facendo preparare i fogli di via che nei prossimi giorni saranno notificati a tutte le persone fermate finora. Una procedura già prevista dalla legge per esercitare la possibilità dell’allontanamento, ovvero l’obbligo di non dimorare sul territorio comunale. Si tratta di una procedura che sta definendo la Polizia di Stato a seguito dei dati delle verbalizzazioni forniti dalla Polizia Locale.  Un ordine di abbandonare subito li territorio che, nel caso disatteso,  consentirebbe alle forze di polizia di avere uno strumento d’azione in più, nel senso che poi è possibile fare una denuncia per l’inottemperanza di un ordine impartito dalla pubblica sicurezza. Colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta la Questura e tutte le Forze dell’Ordine per la collaborazione ed il prezioso contributo con il nostro corpo di Polizia Locale nel tentativo di risolvere questo problema di sicurezza urbana difficile da arginare anche perché non viene classificato come una truffa ma solo come un gioco di abilità”.