Indietro
menu
Due anni dopo il disastro

Gli anni delle mucillagini. La 'media' paura del luglio 1991

In foto: archivio
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 8 lug 2021 13:48 ~ ultimo agg. 9 lug 11:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La grande paura è stata indiscutibilmente quella del 1989. Però, proprio perché i ricordi di quell’annus horribilis erano ancora freschi, neanche i primi giorni del luglio 1991 furono proprio simpatici per gli operatori romagnoli. Complice un’ondata di caldo, le mucillagini tornarono ad addensarsi al largo delle coste tanto che il 6 luglio la Stampa titolava “Alghe in vista, Rimini trema. Romagna e Marche sotto la minaccia di una nuova invasione”. Tensione palpabile, riunioni e tavoli d’urgenza tra amministratori pubblici, polemiche sulle barriere e gli interventi messi in atto dopo il 1989, querelle sull’utilizzo dei 24 miliardi messi a disposizione per quell’anno dal Governo.

Temendo di nuovo il peggio la campagna di comunicazione della Riviera scattò subito: agli albergatori fu distribuito un vademecum specifico su come far capire agli ospiti che le mucillagini erano un fenomeno naturale. I problemi più seri ci furono tra Cattolica e Gabicce, dove le chiazze arrivarono a riva. Su buona parte della costa invece rimasero al largo, e dopo qualche giorno arrivò finalmente la mareggiata che allontanò il pericolo. Rimettendo in marcia una stagione di grande rilancio per la Riviera romagnola. Il 25 agosto Repubblica, a fronte di un calo di diverse località del meridione, parlava di “grande e baldanzosa vittoria per Rimini e Riccione, per Cattolica, Gabicce e tutti i lidi ferraresi”.

Dal 1991 le mucillagini si sono fatte ancora vedere di tanto in tanto, anche senza causare più allarmi di quella portata. Il mare di Rimini ha dovuto fare i conti con altri problemi troppo a lungo ignorati per i quali si sta intravedendo, un passo alla volta, la soluzione. Ma chi ha vissuto quegli anni in Riviera (complici titoli che da allora in poi ad ogni striscia di alghe all’orizzonte rispolveravano sempre la parola “incubo”) anche oggi al solo sentire la parola mucillagini ha sempre un piccolo brivido lungo la schiena.

 

Notizie correlate
di Redazione