Indietro
menu
"Radicale dissenso"

Avvocati riminesi prendono distanze da colleghi "no vax"

In foto: la manifestazione del 26 luglio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 26 lug 2021 19:03 ~ ultimo agg. 27 lug 14:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Noi avvocati democratici per la difesa della salute pubblica“. Si intitola così la nota firmata da una sessantina di legali del foro di Rimini, civilisti e penalisti, per prendere le distanze dai colleghi che hanno partecipato alla manifestazione di sabato contro l’obbligo del Green Pass ed esprimere “radicale dissenso” alle argomentazioni usate per legittimare le posizioni “no-vax”. “Parlare di «truffa del Covid» e di «dittatura sanitaria» – scrivono –, costituisce un insulto alla memoria degli oltre 130.000 morti italiani di Covid, alla memoria dei Colleghi dei vari Fori italiani che si sono ammalati gravemente oppure che sono deceduti per Covid; costituisce un insulto alla memoria di tutte quelle persone che sono decedute e che continuano a morire nel mondo“. Secondo i firmatari “le argomentazioni “NO-VAX” sono pretestuose e giuridicamente infondate. Noi difensori dei diritti, ci schieriamo decisamente a difesa del diritto alla salute di tutti i cittadini, nel rispetto del principio di solidarietà sociale stabilito dalla nostra Costituzione” concludono. Tra i firmatari, anche l’avvocato Moreno Maresi rientrato nei giorni scorsi a casa dopo un mese e mezzo in ospedale proprio a causa del covid.

La nota integrale e i firmatari

NOI AVVOCATI DEMOCRATICI PER LA DIFESA DELLA SALUTE PUBBLICA

In data 24/07/2021, mentre l’epidemia registra una allarmante e pericolosa recrudescenza, si è svolta a Rimini, come in altre città italiane, una manifestazione organizzata da vari movimenti NO-VAX « per la libertà; contro la truffa del Covid; contro la dittatura instaurata, contro il “Passaporto schiavitù”»
A questa manifestazione hanno partecipato attivamente alcuni colleghi, con interventi che miravano a “legittimare” giuridicamente le assurde posizioni NO-VAX. 
Noi Avvocati riminesi intendiamo manifestare il nostro radicale dissenso e censurare quindi queste argomentazioni del tutto infondate. Parlare di «truffa del Covid» e di «dittatura sanitaria», costituisce un insulto alla memoria degli oltre 130.000 morti italiani di Covid, alla memoria dei Colleghi dei vari Fori italiani che si sono ammalati gravemente oppure che sono deceduti per Covid; costituisce un insulto alla memoria di tutte quelle persone che sono decedute e che continuano a morire nel mondo.
Il concetto individualistico di “libertà” propagandato dai NO-VAX, non ha nulla a che fare con i principi democratici della nostra Costituzione, mentre ha molto a che fare con la “cultura” del « me ne frego »! 
I sottoscritti Avvocati riminesi vogliono ribadire che:
-a) la Costituzione Italiana tutela la salute, sia come diritto dell’individuo sia come interesse della collettività. L’art. 32 recepisce quindi, anche in materia sanitaria, i principi solidaristici affermati dall’art. 2. Pertanto possono essere disposti anche trattamenti sanitari obbligatori, in forza di una disposizione di Legge (cioè con norma di fonte primaria); del resto in Italia l’obbligo vaccinale è stato più volte disposto nel 1963, nel 1966, nel 1991 e nel 2017. Solo con l’obbligo vaccinale sono state debellate malattie, un tempo epidemiche, come la poliomielite ed il vaiolo.
-b) il cosiddetto “Green Pass” non comporta un obbligo vaccinale generalizzato, ma costituisce un mero requisito o una idoneità per accedere a determinati servizi ed ambienti sociali (come la patente per poter guidare); pertanto è perfettamente legittimo sotto il profilo costituzionale
-c) il Green-Pass non viola affatto alcuna normativa sulla tutela della Privacy, poiché sono stati recepiti i correttivi indicati dal Garante. Peraltro esiste un necessario principio di bilanciamento tra la giusta tutela della privacy individuale e l’altrettanto giusta tutela della salute collettiva.
Le argomentazioni “NO-VAX” sono pretestuose e giuridicamente infondate.
Noi difensori dei diritti, ci schieriamo decisamente a difesa del diritto alla salute di tutti i cittadini, nel rispetto del principio di solidarietà sociale stabilito dalla nostra Costituzione.

Gli Avvocati Riminesi:
Avv. Alessandro Francesco Petrillo
Avv. Moreno Maresi
Avv. Leonardo Bernardini
Avv. Prof. Elena Valentini
Avv. Cesare Brancaleoni
Avv. Maurizio Ghinelli
Avv. Carlo Maria Compatangelo
Avv. Fabio Ronci
Avv. Lorenzo Valenti
Avv. Luca Giannini
Avv. Paolo Vachino
Avv. Antonio Aluigi
Avv. Giancarlo Migani
Avv. Manuela Alici
Avv. Monica Morolli
Avv. Donata De Nittis
Avv. Sonia Giulianelli
Avv. Monica Cappellini
Avv. Francesca Pieraccini
Avv. Francesco Bragagni
Avv. Simone Campolattano
Avv. Roberto Biagini
Avv. Gianguido Maggioli
Avv. Simona Priolo
Avv. Monica Rossi
Avv. Massimo Cerbari
Avv. Gilberto Gianni
Avv. Gianni Ghinelli
Avv. Gianni Migani
Avv. Eugenio Festa
Avv. Bianca Festa
Avv. Isabella Di Giuseppe
Avv. Valentina Vulpinari
Avv. Mara Bollini
Avv. Rodolfo Cicchetti
Avv. Guendalina Petrolati
Avv. Mattia Lancini
Avv. Paolo Gasperoni
Avv. Enrica Vasini
Avv. Andrea Balzani
Avv. Fabio Gamberi
Avv. Rossella Di Felice
Avv. Vincenzo GalloAvv. Nadia Filippini
Avv. Luigino Biagini
Avv. Gianni Scenna
Avv. Barbara Vanucci
Avv. Jakub Nowacki
Avv. Catia Gerboni
Avv. Valentina Rosa
Avv. Vittorino Cagnoni
Avv. Federico Cagnoni
Avv. Alessandro Cagnoni
Avv. Emiliano Cagnoni
Avv. Sandra Bonfè
Avv. Corrado Bongiovanni
Avv. Piero Venturi
Avv. Simona Renzanigo