Indietro
martedì 3 agosto 2021
menu
Play off Serie D

Villanova Tigers, cuore e grinta, a un passo dall'impresa

In foto: Il centro Filippo Bollini (foto ©Alfio Sgroi)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 16 giu 2021 16:01 ~ ultimo agg. 16:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Omega Basket-Rose&Crown Villanova Basket Tigers 69-75 (12-20; 36-39; 46-56)

IL TABELLINO
Omega Basket: Musolesi 12, Sacca’ 28, Tazzara 7, Ceccolini 9, Gebreselaise 1, Bianchini 4, Conidi 8, Giannasi, , Salsini, Goracci, Espa ne.

Tigers: Bollini 15, Guiducci T 6, Guiducci F 5, Tomasi 10, Campidelli 9, Zannoni 17, Buo D 10, Buo S 3, Bartolucci, Gnoli, Rossi ne, Dellapasqua ne. All. Evangelisti.

CRONACA E COMMENTO
Nella gara da dentro fuori, Rose&Crown Villanova Basket ci mette cuore, testa e grinta. E ad un soffio della sirena accarezza il sogno dell’impresa: rimontare il -12 dell’andata. Solo alcuni episodi impediscono ai biancoverdi (sempre in vantaggio per tutta la gara) di completare la rimonta.

Omega scatta sul 7-2 per dare un segnale di forza, ma i Tigers non hanno alcuna intenzione di recitare il ruolo di vittima sacrificale. Anzi, vogliono giocarsi le carte fino in fondo. Il 7-2 è l’unico vantaggio dei padroni di casa, raggiunti e superati 9-14. Entra capitan Zannoni (recuperato all’ultimo istante ma non in condizioni ottimali), D. Buo firma il 12-20 del primo quarto.

La tripla di Tazzara tiene in corsa Omega (18-22), ma i Tigers dopo il time out escono con ancora maggiore intensità, con la tripla di Tomasi e il canestro di Bollini del 26-31. A 2″29 Omega riaggancia Villanova (33-33) che però rimette la freccia. F. Guiducci segna 31-38. Si va al riposo lungo Connie canestro a fil di sirena di Tomasi: 36-39. Il gioco S. Buo – Zannoni spinge i Tigers sul (+10): 46-56. L’inerzia è tutta ospite, l’impresa è ad un passo. Gli arbitri fischiano il secondo tecnico a Ceccolini, a 7″48. Poi un conciliabolo lunghissimo, minuti e minuti di gioco fermo e le due giacchette nere ritornano sui loro passi, cancellando il tecnico. Subito dopo fischiano un antisportivo assurdo a S. Buo mentre i padroni di casa sono immacolati: nessun fallo ancora fischiato. I Tigers spingono ancora, la tripla di Tomasi vale il 59-69 a 3″40. Comodo sempre dalla lunetta riavvicina Omega (64-72), ma la tripla di Campidelli vale il +11 (64-75). Nessun fallo fischiato ai padroni di casa, coach Evangelisti e la panchina protesta vivacemente, e becca tecnico. 3 liberi Omega con Sacca’ 69-75, ai Tigers non riesce di ribaltare il -12 dell’andata ma vincono con merito e si fermano ad un passo dall’impresa.

IL DOPOGARA
“Il tecnico a Ceccolini era un errore – ammette il coach Tigers, Cristian Evangelistima quella lunga interruzione ha dato vitalità a Omega, mentre noi avevamo la gara in mano. Comunque a 2′ dalla fine, eravamo +10, con palla in mano. Sbagliando due volte il canestro del +12”.

Vi siete fermati davvero ad un passo dall’impresa: “Ci eravamo detti: giochiamo la nostra partita, guarderemo il tabellone a 2″ dalla fine. Guarda casa, il tabellone diceva proprio +10, e palla in mano. Nelle due azioni decisive forse abbiamo peccato un po’ di inesperienza, ma i ragazzi sono stati encomiabili. Un applauso e un grazie a tutti loro”.

Notizie correlate