Indietro
menu
la proposta di Tagliaferri

Statua Cesare. Consigliere regionale FdI: si porti a Piacenza

In foto: il consigliere Tagliaferri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 15 giu 2021 13:40 ~ ultimo agg. 13:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Rimini non vuole collocare in piazza la statua di Giulio Cesare?  La soluzione è semplice: trasferirla a Piacenza. Ad inserirsi nel dibattito sul luogo che più si addice alla statua del condottiero romani (piazza Tre Martiri o lapidario del museo) è il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Giancarlo Tagliaferri. 

Se – scrive il consigliere piacentinto – ricollocare in quella Piazza a Rimini la statua di Giulio Cesare – come sostiene l’Anpi – sarebbe un’offesa alla memoria del sacrificio dei Tre Martiri e di tutti coloro che hanno combattuto per la democrazia e la libertà, per il solo fatto che la statua è stata donata alla città da Benito Mussolini. Al fine di trovare una soluzione che accontenti tutti, si potrebbe portare la statua di Giulio Cesare a Piacenza, dove l’Amministrazione locale sarebbe ben lieta di ospitarla per dare un senso a un percorso storico ben delineato visto che è possibile che la moglie di Cesare, Calpurnia, abbia raggiunto il marito a Piacenza dove passò sicuramente gli inverni del 51 e del 50 a.C.; nella città Cesare godeva dell’appoggio e della protezione del suocero. Il sodalizio tra Cesare e il suocero Calpurnio Pisone sicuramente portò giovamento ai programmi di Cesare visto che il suocero controllava da Piacenza tutta la Gallia Cisalpina”.

Notizie correlate
di Redazione