Indietro
menu
Rilancio dopo personalismi

Paesani: dialogo con chi vuol cambiare. Ecco i nodi critici di Rimini

In foto: Lucio Paesani
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 28 giu 2021 13:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Mentre centrodestra e centrosinistra sono alle prese con la querelle sul nome del candidato, Lucio Paesani presenta alcune delle linee guida che caratterizzeranno l’azione amministrativa della lista civica Noi Amiamo Rimini: dalle colonie alla Statale 16, dall’infrastrutturazione sportiva alle periferie “abbandonate” passando per il sostegno alle categorie produttive e al rapporto con San Marino. Paesani lancia anche un appello: “Noi Amiamo Rimini non ha un’appartenenza ideologica, è aperta a dialogare con tutte le realtà politiche che vogliono cambiare e rilanciare la città dopo anni di sterili personalismi“. “C’è la possibilità di coagulare questo progetto ambizioso – si legge – attorno ad una candidatura civica, pronta a mettersi in gioco. Purtroppo registriamo che, al momento, i partiti tradizionali sono troppo occupati a risolvere problemi personali interni alle correnti, più funzionali a creare le condizioni favorevoli a carriere personali e di incarichi negli enti, piuttosto che pensare al bene della città“.

La nota stampa 

Nel 2011 iniziò l’avventura di Andrea Gnassi e delle sue giunte che si sono succedute al governo della città per 10 anni. Purtroppo alle buone intenzioni della vigilia sono seguiti risultati ben lontani da quelli promessi nel programma elettorale. Rimini necessitava di interventi strutturali. Si trova dopo 10 anni, una pandemia ed una nuova crisi finanziaria che, per conformazione e vocazione qui si avverte più che altrove, ad osservare sterili tagli di nastro che, al di là delle opinioni e dei gusti che, ognuno liberamente esprime, la lascia ancora al palo dal punto di vista dell’offerta turistica, commerciale, artigianale ed industriale. Si è preferito mettere la polvere sotto il tappeto.

I nodi caldi, invece, sono rimasti tutti sopra al tappeto e irrisolti. A titolo di esempio ricordiamo la Murri, la Novarese ed il talassoterapico, la città delle colonie, la statale 16 con le rotonde di via Coriano via Montescudo e superstrada di San Marino.
L’infrastrutturazione sportiva si limita a qualche palestra scolastica inaugurata con enfasi per coprire i fallimenti di tutte le principali società sportive che, dopo decenni sono costrette ad alzare bandiera bianca abbandonando sia il professionismo che il ruolo sociale che fu a beneficio dei nostri figli.

Le periferie sono state dimenticate e abbandonate. Nella zona mare a parte azioni di restyling, si è creata una viabilità assurda e incomprensibile che, in alcuni punti mette a rischio anche gli interventi di soccorso.
Si è pensato a ridipingere la città e a creare una viabilità e una dotazione di parcheggi adeguata ad un pubblico giovane che, si sposta in bicicletta o in monopattino.

Le esigenze delle categorie produttive e dei servizi sono state relegate a richieste di secondo ordine. La recente pandemia ha inferto a queste ultime il colpo finale. Insomma, abbiamo assistito ad una conduzione ordinaria e onirica della città che ora, dopo 10 anni, dimostra di sconfessare il paradigma felliniano della “città dove tutto si immagina”. O meglio, tutto si immagina, ma il primato del controllo pubblico sulla società CIVILE E PRODUTTIVA rende impossibile il “FARE”.
Rimini ha necessità di ripartire per ritornare ad essere il punto di riferimento dello sviluppo non solo della provincia, ma di tutta la Romagna. Occorre investire in infrastrutture (aeroporto, porto, aree produttive, pesca, viabilità…) rilanciare l’industria turistica e fieristica secondo canoni attuali e moderni.
San Marino non può rimanere estranea al progetto.
Queste sono solamente alcune linee guida dell’azione amministrativa della lista civica Noi❤️Rimini. Per realizzare questo e tanto altro ci rivolgiamo a tutte le persone di buona volontà.
Noi❤️Rimini non ha un’appartenenza ideologica, è aperta a dialogare con tutte le realtà politiche che vogliono cambiare e rilanciare la città dopo anni di sterili personalismi.
Il lavoro è tanto ed occorre coinvolgere persone, idee, esperienze, entusiasmi e professionalità. Includere anziché escludere.
Dobbiamo fare sistema attorno ad un progetto, ad una visione comune, coinvolgendo gli eletti del territorio (parlamentari nazionali ed europei, consiglieri regionali, rappresentanti nel governo nazionale), convinti che il momento storico comporti unità e collaborazione.

Il principio del bene comune deve diventare, quindi, la stella polare dell’agire in politica.

C’è la possibilità di coagulare questo progetto ambizioso attorno ad una candidatura civica, pronta a mettersi in gioco. Purtroppo registriamo che, al momento, i partiti tradizionali sono troppo occupati a risolvere problemi personali interni alle correnti, più funzionali a creare le condizioni favorevoli a carriere personali e di incarichi negli enti, piuttosto che pensare al bene della città.

Noi❤️Rimini è pronta a condividere e preparare il programma amministrativo per un rilancio moderno della nostra comunità, con tutte le forze che, risolti i problemi interni, finalmente vorranno scendere a considerare i problemi dei cittadini i veri e gli unici protagonisti della res pubblica.