Indietro
menu
sicurezza sull'arenile

Non accendono le luci in spiaggia. Sei operatori riminesi multati

In foto: la spiaggia illuminata
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 9 giu 2021 12:06 ~ ultimo agg. 15:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sei stabilimenti di spiaggia, dei 109 controllati durante il fine settimana dalla Polizia Locale di Rimini, sono stati multati per non avere acceso gli impianti di illuminazione notturna. Una misura che già dal 2017 è contenuta nell’ordinanza balneare comunale, con l’obiettivo di aumentare la sicurezza sull’arenile. I controlli hanno interessato gli stabilimenti balneari dal molo verso sud (dall’1 al 88) e una parte di stabilimenti della zona nord e sud.  Gli operatori multati si trovano in particolare tra Marina Centro e la zona sud. Il mancato rispetto del provvedimento comporta una sanzione da 1.032 euro.

Nell’ordinanza è previsto che i concessionari di spiaggia si dotino di impianti di videosorveglianza e di illuminazione e che questi debbano restare accesi dal tramonto all’alba per tutto il periodo di validità dell’ordinanza, cioè dall’ultimo week end di maggio al secondo fine settimana di settembre.

Il Comune di Rimini ha introdotto l’obbligo dell’illuminazione notturna in spiaggia la prima volta con l’ordinanza balneare 2017, misura poi estesa e resa strutturale nella stagione successiva – ricorda l’assessore alla Sicurezza Jamil SadegholvaadUna misura che va a tutela degli ospiti, dei residenti e degli stessi operatori balneari e che contribuisce in maniera decisiva a migliorare la sicurezza e la fruibilità di una ‘porzione’ di città già adesso molto frequentata anche nelle ore serali e che si prevede lo sarà ancor di più con l’avanzare della stagione estiva. Non da oggi quindi l’Amministrazione comunale ha evidenziato la necessità che tutti gli attori in campo facciano la propria parte per tutelare un bene collettivo come la nostra spiaggia, un open space naturale da vivere e da valorizzare e che dunque deve essere salvaguardato”.

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.