Indietro
menu
Nel corso di un controllo

In Jaguar ma col reddito di cittadinanza: botte ai carabinieri e fuga

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 30 giu 2021 11:30 ~ ultimo agg. 1 lug 11:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono finiti in manette dopo aver picchiato un carabiniere impegnato in un controllo a Cattolica ed essersi dati alla fuga. Ma i militari della della Tenenza di Cattolica sono risaliti a loro e li hanno arresti nella loro casa a Sassofeltrio, in provincia di Pesaro Urbino. Per minaccia, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale sono finiti in manette un 27enne e un 31enne di origini calabresi, entrambi pregiudicati.

Il controllo dei carabinieri era avvenuto a Cattolica in via Francia. Gli uomini erano stati fermati a bordo della loro Jaguar Xe. Il conducente, in evidente stato di ebbrezza, durante le fasi di identificazione, insieme al passeggero, si era fatto aggressivo e minaccioso. Dopo essere stato sottoposto all’etilometro e aver fatto segnare un tasso alcolemico di 1.21 g/l, il 27enne si è rivolto ai militari così: “Allora, visto che sono ubriaco, ti posso anche picchiare”, e ha sferrato un pugno in pieno volto al carabiniere spaccandogli un dente. Poi è risalito in auto e insieme all’amico si è dato alla fuga.

E’ scattato un inseguimento conclusosi anche grazie all’ausilio dei carabinieri di Urbino: i malviventi sono stati rintracciati nelle rispettive abitazioni di Sassofeltrio. Al termine dell’udienza di convalida, svolta nella stessa giornata, il giudice ha convalidato il provvedimento di arresto ed ha disposto per entrambi i soggetti l’obbligo di firma. I due sono risultati percettori del reddito di cittadinanza: ne è stata disposta la sospensione. Lievi per fortuna le lesioni riportate dal militare nel corso dell’aggressione.

Notizie correlate
di Redazione