Indietro
menu
omaggio a Raoul Casadei

Futuro Fantastico. Il festival di Santarcangelo tra contemporaneo e liscio

In foto: una delle protagoniste
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 10 giu 2021 14:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Futuro Fantastico (II movimento). Festival mutaforme di meduse, cyborg e specie compagne. Presentazione oggi a Santarcangelo dell’ultimo atto di Festival 2050, cinquantenario della più longeva manifestazione italiana dedicata alle arti della scena contemporanea, iniziato a luglio 2020.  Per quest’ultima edizione che li vede alla direzione artistica, Enrico Casagrande e Daniela Nicolò di Motus si sono confrontati con la forza irrequieta e mutaforme che incarna lo spirito del Festival, in continua transizione, scambio e ibridazione, per dare vita a undici giorni di programmazione dall’ 8 all’11 luglio: un’opera corale che accorcia le distanze tra teatro, arte, cinema, musica, letteratura e antropologia.

Abbiamo lavorato – raccontano – cercando di continuare, nonostante tutto, a produrre immagini, a fertilizzare il territorio inaridito dalla paura del virus che poi, banalmente e pericolosamente, diventa paura dell’Altro, del diverso da ciò che non rientra nelle consolidate categorie percettive. Quest’anno abbiamo ancor più spinto verso l’ibridazione e le pratiche di compostaggio per innestare una programmazione esplosa fra forme e linguaggi, corpi e voci minoritarie. Tanti saranno gli spettacoli che “non abbiamo visto prima”, perché sono opere nate proprio nel vuoto del lockdown o frutto di lunghissimi percorsi di ricerca e lenta metamorfosi. Sarebbe stato facile affidarsi a grandi nomi o spettacoli comunque già circuitanti. Abbiamo preferito “prenderci cura” – con i mezzi sempre insufficienti, lo dobbiamo ribadire, che un Festival con questa missione ha – di compagnie con cui volevamo davvero entrare in contatto, conoscere umanamente, al di là della facciata promozionale, per metterci in gioco, rischiando, tanto, troppo? Chi può stabilire un limite in questi tempi”.

Il festival si aprirà l’8 luglio con un pomeriggio che ospiterà i risultati di due anni di lavoro e ricerche dedicate ai 50 anni dell’evento, che comprendono la presentazione del libro, curato da Roberta Ferraresi ed edito da Corraini Edizioni, che raccoglie testimonianze chiave della storia della manifestazione, e la proiezione e presentazione del documentario, diretto da Michele Mellara e Alessandro Rossi per Mammut Film, che porterà alla luce materiali inediti del Festival.

Porta tra culture lontane la sezione “Bestiari fantastici”  che accoglie importanti artiste provenienti per lo più da America Latina, Africa e Asia: luoghi lontani dalla tradizione occidentale che oggi vedono emergere una nuova generazione impegnata in percorsi di decolonizzazione e rivendicazione dei diritti delle minoranze, oltre che in riflessioni sulla crisi dell’Antropocene. Una sezione speciale accoglie un nucleo di giovani artiste e artisti che avrebbero dovuto essere in scena a dicembre 2020 in occasione di Winter Is Coming, e che finalmente presenteranno dal vivo spettacoli e interventi site specific (molti dei quali ultimati durante le residenze a Santarcangelo). Sarà realizzato anche un  villaggio temporaneo ecosostenibile. Ci sarà anche H24 (accaventiquattro) tanti eventi performativi per favorire la massima partecipazione di tutte le fasce di pubblico e rispondere alla crisi pandemica con nuove pratiche di vicinanza in spazi pubblici. Dalla sfera contemporanea a quella tradizionale, con il programma speciale dedicato al Liscio in Piazza (10, 15, 17 e 18/07, Piazza Ganganelli), in omaggio alla recente scomparsa di Raoul Casadei, con i ballerini delle scuole “Balla con Noi” e “Le Sirene Danzanti”. Il cortile della Scuola Pascucci ospiterà inoltre una serie di talk pomeridiani in modalità mista live/digitale, con relatori e spettatori presenti ed altri collegati online.Il progetto ERRANTE_sentieri dialoghi visioni  prevederà camminate mattutine lungo il Fiume Marecchia, tra Rimini e Santarcangelo.

Il programma sul sito: www.santarcangelofestival.com. I biglietti saranno in vendita dal 14/06 sul sito e la biglietteria di Piazza Ganganelli e l’Info Point apriranno il 5/07.

Notizie correlate
di Redazione