Indietro
menu
Verso la scelta

Elezioni. Archiviati ricorsi, il 19 giugno la direzione Pd per l'indicazione del candidato

In foto: Affronte, Gabrielli, Sadegholvaad
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 12 giu 2021 11:06 ~ ultimo agg. 13 giu 09:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sembra arrivato alle battute finali il percorso del centrosinistra, e in particolare del Partito Democratico, per definire il candidato sindaco alle amministrative di ottobre a Rimini. Sono stati infatti bocciati i due ricorsi presentati nei giorni scorsi. Il primo da parte di Maurizio Melucci che chiedeva il ripristino del vecchio numero di componenti della direzione Pd (recentemente allargata da 54 a 72 con l’aggiunta di sindaco, assessori e segretari di circolo) e il secondo presentato dall’avvocato Jessica Valentini che chiedeva di fatto un ritorno alle primarie. I ricorsi sono stati demandati dal livello regionale del Pd, alla commissione di garanzia provinciale del partito che ha valutato per l’archiviazione. La direzione comunale, nella sua composizione a 72, è già stata convocata per sabato 19 giugno. Nell’appuntamento, si discuterà della candidatura dei tre nomi emersi nell’ultimo tavolo di coalizione: Jamil Sadegholvaad, Nazzareno Gabrielli (proposto da Rimini Coraggiosa) e Marco Affronte (il nome di Europa Verde). Dalla direzione, con tutta probabilità, arriverà finalmente il nome del candidato sindaco e i favori sono ampiamente sull’attuale assessore. Così il centrosinistra riminese potrà annunciare il suo candidato alla vigilia del giorno, il 20 giugno, in cui grandi città come Bologna e Roma si affideranno invece alle primarie per la scelta. Ovviamente, salvo nuovi colpi di scena.