Indietro
menu
No vax?

Vaccinato il 90% di medici e infermieri ma oltre 1300 mancano ancora

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 19 mag 2021 16:45 ~ ultimo agg. 16:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono 4.103 i medici dell’Ausl Romagna e 10.702 tra infermieri e caposala. Di questi, il 91,1% dei primi e il 90,8% dei secondi è potenzialmente immune al covid. Per 9.410 infermieri e 3.659 medici grazie alla vaccinazione. A questi si aggiungono poi rispettivamente 312 e 80 persone con pregressa Covid. All’appello mancano però ancora 1.344 tra medici e infermieri in tutta la Romagna. Nel mese di marzo erano però quasi 2.500. Non sono comunque tutti no vax, visto che tra questi figura anche chi non si può vaccinare per problemi di salute oppure perché in gravidanza. Il decreto legge approvato lo scorso 31 marzo, introduceva norme rigorose (fino alla sospensione) per i no vax operanti nel comparto delle professioni sanitarie.

La percentuale più elevata di copertura si registra in Romagna tra gli operatori socio-sanitari con il 91,3% di personale potenzialmente immune.

Notizie correlate