Indietro
menu
stop di 15 giorni

Spaccio e ospiti con precedenti nel tre stelle, il questore chiude hotel di Marina Centro

In foto: la polizia davanti all'hotel chiuso per 15 giorni
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 3 mag 2021 12:21 ~ ultimo agg. 4 mag 13:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un altro albergo chiuso a Rimini per droga e ospiti “irregolari”. E’ il terzo caso in poche settimane. Si tratta di un hotel tre stelle in viale Tripoli, la cui licenza è stata sospesa per 15 giorni su ordine del questore di Rimini, Francesco De Cicco.

Il provvedimento è stato adottato al termine di un’operazione antidroga condotta dalla Squadra giudiziaria della polizia Locale di Rimini con la collaborazione della Squadra amministrativa della polizia di Stato. Dal blitz è emersa un’attività di spaccio da parte di alcuni ospiti dell’hotel, utilizzato sia come luogo d’incontro per lo spaccio che come luogo di confezionamento e deposito della sostanza stupefacente. Infatti, oltre a 11 grammi complessivi tra marijuana e hashish, sono stati sequestrati anche due bilancini di precisione e il materiale per confezionare le dosi.

Il controllo ha evidenziato inoltre che all’interno del tre stelle 22 persone ospitate non erano state registrate nell’apposito portale alloggiati, di fatto sottraendole ad ogni controllo dell’autorità di Pubblica sicurezza. Tra i clienti c’era un clandestino oggetto di successiva espulsione ed accompagnamento coatto presso un centro di rimpatrio. Quindici invece gli ospiti gravati da precedenti di polizia.

A seguito delle indagini svolte, il personale della questura ha ritenuto l’albergatore, un 47enne domiciliato a Rimini, “tollerante di fatto verso episodi e situazioni che costituiscono motivi di grave pregiudizio al mantenimento dell’ordine e sicurezza pubblica”. Il provvedimento di sospensione della licenza, adottato dal questore, mira a tutelare la sicurezza e l’ordine pubblico.